giovedì 22 marzo 2018

Album vissuti: Hail to the Thief - Radiohead, 2003

All'inizio del 2003 c'era grande attesa per l'uscita di questo disco. Dopo le sperimentazioni di Kid A e Amnesiac circolava la notizia (oltre a svariati mp3 in rete) che i Radiohead fossero tornati alle atmosfere di OK Computer. Dopo aver resistito ad ogni tentazione, il giorno dell'uscita comprai l'album a scatola chiusa; cose che ormai non succedono più.
Non intendo fare la millesima recensione: dico semplicemente che questo disco è un capolavoro e che i Radiohead quindici anni fa ci hanno regalato qualcosa che non appartiene all'industria discografica e neanche in senso stretto alla musica. Appartiene alla bellezza, come tutte quelle cose a cui abbiamo dato il nome di arte. (Luca Valtorta)
Dopo un'ascolto ininterrotto di parecchie settimane, comprammo subito i biglietti per il concerto al Castello di Ferrara del 12 luglio 2003, l'anno del caldo pazzesco. I concerti sono strani: a volte hai grandi aspettative e poi, per qualche motivo, capita che resti deluso. Ricordo ancora lo sconforto quando nel '90 David Bowie, dopo poche canzoni, ebbe un calo di voce fino a restare quasi del tutto afono. Era l'ultima volta in cui cantava tutto il vecchio repertorio; un'incredibile occasione sfumata proprio mentre iniziava il divertimento. Quella sera invece la realtà superò ogni aspettativa: due ore di pura magia abbinata ad un livello tecnico ed esecutivo stratosferico. Brividi fin dall'inizio (con l'introduzione delle percussioni tribali di There There) al gran finale, con i bis di Sit Down Stand Up e Karma Police cantata in coro. Ne uscimmo spossati (il caldo era veramente terribile), ma entusiasti e carichi di emozioni che continuarono a riaffiorare anche nei giorni successivi.

18 commenti:

  1. sono molto ignorante sul tema Radiohead..A parte Karma Police e Creep!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi partire da Ok Computer, che dopo 20 anni è diventato un classico.

      Elimina
    2. Ripasso per farti tanti auguri di buone festività Pasquali :)

      Elimina
    3. Grazie mille. Ricambio

      Elimina
  2. Ho diversi dischi dei Radiohead ma questo mi manca...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mettilo in lista, perché se non è il migliore poco ci manca.

      Elimina
    2. Per me il migliore era Ok computer.

      Elimina
    3. Li metto alla pari al primo posto! ;)

      Elimina
  3. Disco bellissimo e tour pazzesco: io li vidi al Lazzaretto di Bergamo. Una bomba. E sono contento di aver visto Bowie a Lucca nel tour di Heathen. Concerto pazzesco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero! Raramente ho raggiunto livelli di coinvolgimento così alti come in questo live.

      Elimina
  4. Questo cd è fantastico, ora in casa ne abbiamo due copie (quella presa da me, versione de lusso, con copertina cartonata che si apre in modo strana, e quella presa da Elle, normale): suonano entrambe alla grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una delle poche band rimaste di "un altro livello".

      Elimina
  5. Non sono un grande amante dei Radiohead anche se impazzisco per Kid A e Amnesiac...e l'ultimo, ti confesso, mi ha profondamente colpito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei più sul lato sperimentale: io li amo in tutte le loro evoluzioni che comunque seguono un filo logico incredibilmente coerente. L'unico che non mi ha convinto è stato "The King of Limbs"
      L'ultimo è bellissimo.

      Elimina
  6. Si tratta di musica nei pressi della fine del mondo (ascoltando il brano che proponi, nel video). Insomma, più lontano possibile dai giorni nostri. Grazie sempre..

    RispondiElimina
  7. Risposte
    1. Non saprei... so che roba così ormai purtroppo non ne fa quasi più nessuno.

      Elimina
    2. Radiohead ....non li conoscevo fino a pochissimo tempo fa ...poi... qualcuno mi ha proposto di ascoltarli...e così vieni a "conoscenza" attraverso altre conoscenze!

      Buon pomeriggio!

      Elimina

Welcome