venerdì 26 dicembre 2008

Brightblack Morning Light: Relax post natalizio

Dopo le abbuffate e le visite ai parenti (poche), arriva qualche giorno di isolamento per godersi al calduccio i regali e il tempo libero.
Qualche giorno fa, con due anni di ritardo, ho scoperto grazie alla rete i Brightblack Morning Light e il loro secondo disco omonimo. La luce nera e luminosa del mattino (così si chiamano) alias Nathan Shineywater e Rachel Hughes, all'apparenza si presentano così come due freaks californiani fuori dal tempo, imbevuti di filosofia flower-power e psichedelia. Vivono in un tepee nel deserto del Nuovo Messico e hanno inciso le canzoni del terzo album, Motion To Rejoin, usando come fonte energetica quattro pannelli solari. Ad un primo ascolto la loro musica può apparire noiosa per la sua apparente ripetitività, ma è sufficiente lasciarla scorrere, anche come sottofondo e dopo un po' vi ritroverete a seguire involontariamente il suo flusso. Fin dalla partenza suoni avvolgenti e sinuosi si dipanano lenti tra psichedelia ed echi gospel attraverso dieci brani ipnotici, collegati tra loro in un'unica suite. Una sorta di ininterrotto funk surreale ed onirico al rallentatore, sorretto principalmente da un piano elettrico Fender Rhodes e una chitarra slide. Un disco morbido dalle innate capacità rilassanti, che non richiede per forza un ascolto attivo; adatto come sottofondo nelle ore serali e alla penombra, ai tempi dilatati delle giornate di festa ed ai momenti di totale, totale relax.... Stranezze della musica: prima gli auguri di Natale con i Ramones e subito dopo una proposta che ci proietta agli antipodi, in piena atmosfera post-hippie. Questa è un po' la mia storia: purtroppo o per fortuna sono cresciuto negli anni '70 ed ho visto coi miei occhi di ragazzino ingenuo e fiducioso svanire malinconicamente l'utopia di Woodstock (il colpo di grazia fu il disastro della festa al Parco Lambro del '76) nonché poco dopo esplodere il punk e la new wave. Queste due anime, non solo musicali, mi appartengono entrambi.
Love & Peace.

4 commenti:

  1. è sicuramente una cosa positiva avere anime e passioni (anche divergenti) dentro di noi, io penso di averne anche ben + di due..
    il suddetto disco non l'ho ancora ascoltato bene, ma lo sto facendo risuonare adesso nell'aria e mi sembra ottimo per il relax post-natale
    quindi gran bella segnalazione!

    RispondiElimina
  2. Bel post e bella segnalazione, come quella accanto al magggico disco della Ralfe Band, uno dei dischi dell'anno.

    RispondiElimina
  3. Thank you friends. Have a good time and relax.

    RispondiElimina
  4. Con la speranza che abbia passato un sereno Natale ti auguro un felice 2009!!!

    AmosGitai

    RispondiElimina

Welcome