lunedì 21 novembre 2011

Burning down the house: cosa porteresti in salvo?

The burning house è un sito che invita a fare delle scelte nel caso (speriamo mai) la casa vada a fuoco. Cosa salvereste con voi stessi avendo pochissimo tempo a disposizione? Un conflitto tra le cose utili, quelle di valore pecuniario e ciò che ha un valore puramente sentimentale. Chiunque può postare la sua foto. Questa è la mia.





















ELENCO
  • Almeno una chitarra
  • Occhiali
  • Chiavette usb e magari anche il disco esterno
  • Il maggior numero di vecchi fumetti (nella foto Cannibale e Compagnia della Forca)
  • Foto di viaggi
  • Racchetta da beach tennis
  • Canon power shot
  • Berretto (fa un freddo cane)
  • T-shirt del concerto dei Radiohead
  • Foto storiche
  • Last but not least: la mia gattona Matula.
Purtroppo niente libri o dischi: sono troppi e si possono ricomprare. Però ripensandoci, mi piange il cuore; qualche vinile tenterei di salvarlo: uno, ad esempio, potrebbe essere quello da cui è tratto il video qui sotto.
Burning down the house

17 commenti:

  1. Molto bello e stimolante questo post. A conti fatti credo che io ne ho a sufficienza con i tre figli da portare fuori. Fortunatamente le chitarre le ho un po' in giro per cui si salvano quasi tutte. Mi piacerebbe salvare almeno il pc...

    RispondiElimina
  2. ma la tua gattona è d'accordo con te?

    RispondiElimina
  3. Anche io porterei fuori i gatti.
    Per il resto, sarebbe difficile. Forse le foto dell'Australia, mentre per i mille e passa dvd, i cd e le bottiglie mi pare ci sarebbe poca speranza. ;)

    RispondiElimina
  4. A parte gli altri famigliari,ovviamente...:)tutto ciò che ho di valore sono cd,vinili,libri e dvd.Niente altro a cui sia affezionato o che valga qualcosa.Quindi mi dannerei l'anima per salvarne il maggior numero...

    RispondiElimina
  5. Cannibale, chiapperi, mi dice qualcosa ...;)

    RispondiElimina
  6. ma i Cannibale li hai tutti?

    gianf

    RispondiElimina
  7. eheh, mi raccomando il racchettone... io il gatto Isidoro neanche sto a dirlo, perché di certo se la filerebbe ben prima di me... per il resto, credo che la prima cosa sarebbe la scatolina nera dell'hard disc esterno: nei files di videoscrittura ci sono anni di vita e di lavoro...

    ciao! :)

    RispondiElimina
  8. @ El Gae:
    Basterebbe il disco esterno. Da quando anni fa ho perso tutto per un guasto, ogni due-tre mesi salvo un immagine del pc.

    @ Gianni:
    E' anziana e va supportata! :)

    @ MrJamesFord:
    Le vecchie foto stampate sono una delle cose più preziose.

    @ Alligatore e gianf:
    Li ho quasi tutti e soprattutto ho il mitico numero zero, quello con il tipo che si automangia in copertina

    @ Nick:
    L'informatica è ancora troppo insicura! Io gli scritti a cui tengo di più li ho stampati ed anche salvati in 3-4 diversi supporti.

    @ Blackswan:
    Puoi starne certo!

    RispondiElimina
  9. Bel post, mi inviti a merenda..Devo per forza trovare un momento per postare..Ti anticipo che ho due o tre cose in comune con le tue..Ma non riuscirei a portare via niente e mi spaccherei le ginocchia in giro perchè, al solito, non riscirei a trovare gli occhiali, vagando per casa come un babbalone..

    RispondiElimina
  10. Sai che forse prenderei nulla?
    se porta salva la pellaccia, il resto o lo si ricompera o.. niente affetti materiali. Sono basita da me stessa: m'hai dato modo di pensare.
    Si ma nn credere, penso sempre ;)

    RispondiElimina
  11. vedo il cannibale
    grazie per avermi salvato! ahahah :)

    RispondiElimina
  12. Grande Lucien!!! E' proprio un post da 'nerd', detto in senso buono :) ;)

    RispondiElimina
  13. a parte gli esseri viventi che ci abitano forse alla fine non slaverei niente e potrei così ricominciare da capo senza aver l'angoscia di dover scegliere io cosa buttare

    RispondiElimina
  14. E' troppo difficile. Diciamo che lo prenderei come un segno del destino per fare gioco-forza tabula rasa. Esco io e mi salvo. Il resto lo archivierei alla voce: "passato".

    RispondiElimina
  15. La famiglia.
    Poi, ma molto poi, chitarre, orologi, cd, dischi, cassette, computer.

    RispondiElimina
  16. Fatto anche io, ma su un altro blog [sai, le mie solite identità multiple ;-) ]
    Comunque qui direi:
    - la lampadina con l'orsetto disegnato sopra che i miei mi mettevano da piccola in camera contro la paura del buio
    - il mio portatile perché dentro c'è tutto ciò che mi serve per il lavoro (cfr. Zio Nick)
    - tutti i possibili ricordi di mia madre, avendola conosciuta quasi solo per foto, biglietti e cose che le appartenevano.

    RispondiElimina

Welcome