mercoledì 5 febbraio 2014

K.O.

Il trasloco sotto la pioggia con l'influenza e la febbre.
La nuova casa-teiera senza connessione: prima data, poi tolta in un lampo ed ora in attesa di essere ripristinata. (Al momento sono collegato con mezzi di fortuna da bravo vecchio hacker).
Perché in Italia ormai non funziona nulla, tranne la burocrazia bizantina.

La stanze ancora senza le porte...ordinate a settembre!!!
Per fortuna che c'è la crisi.

La vecchia casa abbandonata mi dà una strana tristezza: ci ho passato 25 anni felici ed ora così vuota e spoglia mi sembra anche svuotata di tanti bei ricordi. Presto avrà nuovi padroni.

Bisogna essere pronti a cambiare, ma ne vale sempre la pena?
Comunque guardo avanti.
La teiera tornerà a volare. Me lo auguro. Magari solo qualche planata.
Vorrei tanto scrivere di cinema e musica come ho fatto negli ultimi cinque anni, ma al momento mi è impossibile.

Per ora chi dimostra di essere più a suo agio è Matula; la mia vecchia gatta si è ambientata in pochi minuti dopo aver esplorato ogni angolo e preso possesso di giardino venti volte più grande di quello vecchio.


12 commenti:

  1. Si, cambiare fa bene... quasi sempre. :)

    Ad maiora

    RispondiElimina
  2. Traslocare è una dura esperienza, l'ho fatto due o tre volte, girando nella stesa casa, ma è sempre un casino ...occhio ai libri/cd/vinili... per me è un caos ritrovali.

    RispondiElimina
  3. Enri1968&.5 febbraio 2014 21:44

    Ben ritrovato qui e tante buone cose!!!

    RispondiElimina
  4. Poi passa, fidati: è solo il momento di transizione. Confida nella gatta, osservala, copiala: studia l'etologia delle capacità di adattamento e autonomia feline. Cambiare è sempre un passo avanti, anche dovesse servire solo a capire che si è sbagliato qualcosa. Sono una fonte autorevole he: l'ultimo fatto è il trasloco n.13 e spesso tra uno e l'altro ho cambiato pure città. PUò bastare come referenza? :-)

    RispondiElimina
  5. Poi passa, fidati: è solo il momento di transizione. Confida nella gatta, osservala, copiala: studia l'etologia delle capacità di adattamento e autonomia feline. Cambiare è sempre un passo avanti, anche dovesse servire solo a capire che si è sbagliato qualcosa. Sono una fonte autorevole he: l'ultimo fatto è il trasloco n.13 e spesso tra uno e l'altro ho cambiato pure città. PUò bastare come referenza? :-)

    RispondiElimina
  6. Un abbraccio grande grande, per accompagnarti, pur se da lunga distanza, in un momento così emozionante, e così duro.
    Ciao caro amico!

    RispondiElimina
  7. Avrò fatto almeno dieci traslochi nella mia vita. So cosa significhi. Stringi i denti. A presto.

    RispondiElimina
  8. Ben tornato!
    Fai come Matula, annusa e prendi possesso; a volte i gatti sanno essere modelli di saggezza.
    Spero di leggerti presto. :-)

    RispondiElimina
  9. i traslochi ti scuotono peggio dei lutti, è scientificamente provato

    RispondiElimina
  10. Grazie a tutti per i consigli e le parole di incoraggiamento!

    RispondiElimina
  11. A me invece piacerebbe cambiare un po' di cose e penso anche ai miei figli che hanno bisogno dei loro spazi..
    Un caro abbraccio, ti aspetto.

    RispondiElimina

Welcome