mercoledì 3 settembre 2014

Jah Wobble presents PJ Higgins

Quando cominciai a suonare dal vivo le prime influenze musicali provenivano dalla scena post punk soprattutto inglese che assimilavamo come carta assorbente l'inchiostro. Nella prima esibizione, una delle rare volte in cui suonammo covers, fu scelto anche un brano dei PiL e per la precisione Socialist, probabilmente perché essendo strumentale risolveva il problema del cantato.

Questo breve ricordo per introdurre il nome di Jah Wobble; i vecchi fan e appassionati lo ricorderanno di certo come cofondatore dei PiL e traghettatore alla fine degli anni '70 del post punk verso nuovi e fino allora sconosciuti territori dub e world, uniti all'alienazione urbana incarnata dalla voce di John Lydon. La carriera solista del bassista dei Pil ha avuto alti e bassi ed è stato complicato, soprattutto prima della rete, seguire i suoi progetti musicali. Alla fine degli anni '80 era quasi fuori dal giro e per campare costretto a fare le pulizie nelle stazioni, occupandosi di musica solo nel temo libero.
Dopo innumerevoli collaborazioni con risultati alterni, ora le sue sinuose linee di basso si sono incrociate con la splendida voce di PJ Higgins, cantante del collettivo londinese Dub Colossus. Il risultato è una sorta di dub-reggae notturno con venature trip hop.
Tutta la sua storia e la discografia in un articolo completo su ondarock.
 

3 commenti:

  1. Ottimo ricordo, andrò a leggermi il pezzo su ondarock, sempre completi e professionali.

    RispondiElimina
  2. lucien scusa mi dai una tua mail voglio chiederti un consiglio cinematografico.
    grazie!
    cirano2@tiscali.it

    RispondiElimina
  3. @Cirano:

    lateieravolante@gmail.com

    RispondiElimina

Welcome