lunedì 15 dicembre 2014

Il sale della terra





















Vent'anni fa Wim Wenders acquistò in una galleria due fotografie che lo avevano colpito senza sapere chi fosse l'autore. In particolare il ritratto di una donna tuareg cieca scattato in Mali nel 1985. Da qui nacque la sua passione per il lavoro e le opere di Sebastião Salgado.

Wenders è un regista che ho amato tantissimo fino ai primi anni '90, ma che da un certo punto in poi ho smarrito per strada. Non so spiegare il perché, tuttavia sono contento di averlo ritrovato in questo splendido documentario sulle tracce di Salgado, fotografo brasiliano che per decenni ha attraversato il nostro pianeta documentando la condizione umana per poi dedicarsi nell'ultima fase della sua vita alla potenza e alla poesia della natura nel progetto Genesi. Immagini primordiali, di una bellezza che toglie il fiato:
In Genesi vedrete dunque fotografato ciò che noi tutti insieme dobbiamo, e sottolineo dobbiamo, proteggere. Quella parte cioè che resta estremamente viva - forse un 45% - ed è ancora come al tempo della Genesi. 
Quello di Salgado è un percorso monumentale durato quarant'anni e iniziato con Other Americas, il primo viaggio in America Latina intrapreso per descrivere la vita delle comunità indios e contadine più sconosciute, e giunto a compimento con la creazione di Instituto Terra. Quasi un'utopia nata da un'idea della moglie e divenuta realtà nello stato di Minas Gerais, dove l'abbattimento della fore­sta pluviale atlantica aveva portato alla desertificazione di una vasta zona, che comprendeva anche la fattoria della fami­glia Sal­gado. Due milioni di alberi piantati che in soli dodici anni hanno ricreato l'ambiente naturale originale e dato vita ad un centro di educazione ambientale per gli studenti, nonché a un parco nazionale.





Tornando al film, durissima al limite dell'insostenibile, è la parte in cui lo stesso Salgado racconta e mostra il suo lavoro di testimonianza dai luoghi dell'orrore: il primo viaggio in Africa insieme a Medici Senza Frontiere durante la carestia nel Sahel; poi anni dopo, il geno­ci­dio in Rwanda, la guerra nella ex Jugoslavia e infine il Congo nel 1997: esperienze devastanti, faccia a faccia con gli abissi della follia umana che lo fecero ammalare di una profonda depressione.
C'è chi ha criticato Wenders e Salgado stesso di un approccio alla Bono Vox ai problemi del mondo. A me sembrano critiche superficiali o per partito preso; penso che il regista tedesco abbia trovato la chiave giusta per raccontare l'arte di un uomo limpido e intellettualmente onesto, adottando tre punti di vista: il suo, fatto di rispetto e ammirazione; quello del figlio Juliano Ribeiro (co-regista) che ha accompagnato il padre nei suoi ultimi viaggi; infine quello soggettivo del grande fotografo attraverso la storia della sua vita narrata in prima persona. Tutt'al più celebrativo, ma trovo che non ci sia nulla di sbagliato nell'omaggiare un uomo che con immagini di rara potenza è stato in grado immortalare come pochi altri la condizione umana negli eventi della Storia contemporanea. Per me una forte esperienza emotiva e anche una testimonianza che mi ha lasciato un segno profondo. Trailer

“Per un vero fotografo una storia non è un indirizzo a cui recarsi con delle macchine sofisticate e filtri giusti. Una storia vuol dire leggere, studiare, prepararsi. Fotografare vuol dire cercare nelle cose quel che uno ha capito con la testa. La grande foto è l’immagine di un’idea.” Tiziano Terzani

Brasile 1986 - Sierra Pelada, 50.000 cercatori d'oro

17 commenti:

  1. Ne ho letto benissimo, e anche mio suocero mi aveva fatto una recensione molto sentita. Spero di recuperarlo presto.

    RispondiElimina
  2. Pure io, come Ford, finora ne ho sentito parlare un gran bene. La tua recensione lo conferma e si aggiunge ad altre che ho tenuto d'occhio. Vedrò di ricordarmene per le visioni future!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ti riesce regalati la visione al cinema, lo merita. Io l'ho recuperato grazie alla rassegna del giovedì della mia sala.

      Elimina
  3. Per Wenders spero sia ritornato a fare un buon film.

    Per Salgado: grande uomo e fotografo il progetto Genesi è incredibile e immenso, se vi capitasse non perdete questa mostra.

    http://www.sullamaca.it/pictures/sebastiao-salgado-genesi/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Decisamente sì, una delle visioni più sorprendenti ed emozionanti dell'anno!

      Elimina
    2. Si, decisamente, ho preso il libro e spesso me lo guardo, lo sfoglio, è da condividere.

      Elimina
  4. Me ne hanno già parlato bene la mia ragazza e un caro amico ...nella settimana di natale esce anche da me (miracolo, non ci speravo più). Spero di riuscirci, perché rimane in cartellone solo due giorni...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certi film meritano di essere visti al cinema: dimenticate download, streaming, ecc...
      Il sale della terra è uno di quelli. Buona visione!

      Elimina
  5. Aspettavo che lo vedessi, e sono d'accordo su quello che scrivi fino all'ultima virgola. Non è un film da "recuperare". E' un film da vedere al cinema: imponente, dalla disperazione alla commozione. In uno spazio ristretto, perderebbe il respiro.

    RispondiElimina
  6. Il respiro lo toglie allo spettatore, in certi momenti!

    RispondiElimina
  7. Dedicare la propria arte alla salvezza della Terra (è di questo che si tratta) è giustissimo. Wenders, che mi piace, l'avevo perso di vista, un pò perchè anch'io non seguo il cinema come prima.. Sono rimasto colpito oltre che dalle immagini di Salgado,anche dalle immagini sull'effetto del re-impianto degli alberi. E' meraviglioso! Ti ringrazio queste preziose informazioni!

    RispondiElimina
  8. Concordo con te pienamente sul film, sono felice d'aver potuto conoscere anche un aspetto privato del fotografo che sebbene conosco la sua opera non sapevo del sostegno della famiglia.
    L'opera di riforestazione è straordinaria ma d altronde se certi segnali non sono fatti da questi uomini chi li può fare?
    W.Wenders non poteva sbagliare film questa volta la sceneggiatura c'era già ed nella vita è nelle opere del Fotografo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero, però ha girato da grande regista qual è utilizzando il giusto registro e mettendosi umilmente al suo servizio. Mi fa piacere che anche tu l'abbia apprezzato: ci sono immagini che mi hanno bagnato gli occhi e fatto venire un groppo in gola e non parlo di quelle terrificanti sulla fame ma soprattutto di bellezza e poesia.

      Elimina
  9. Ti suggerisco Genesi il librone foto e parole saranno un esperienza.

    RispondiElimina

Welcome