martedì 24 febbraio 2015

Il 24 febbraio 1975 usciva Physical Graffiti

Dopo aver celebrato Horses , ecco un altro capolavoro datato 1975 che compie proprio oggi quarant'anni.
Una copertina di cui ho raccontato anni fa in uno dei primi post della teiera e che con la sua foto dell'edificio vittoriano al 96 St. Mark's Street di New York è diventata un'icona dell'immaginario collettivo. Un album da collocare in quella schiera di pochi eletti che hanno avuto il merito cambiare il corso della musica, testimoniando in questo caso la summa artistica dei Led Zeppelin e nello stesso tempo la certificazione della morte del classico rock targato 70's in cui Page, Plant, Jones e Bonham sono stati i numeri uno. Due anni dopo arrivò il colpo di grazia con il punk.
Nell'occasione esce l'immancabile edizione super, extra, mega deluxe con sette tracce in più, ma voglio segnalare un interessante tributo uscito in cd con la rivista Mojo: Physical Graffiti Redrawn


1. White Denim – Custard Pie
2. Blackberry Smoke – The Rover
3. Miraculous Mule – In My Time of Dying
4. The Temperance Movement – Houses of the Holy
5. Son Little – Trampled Underfoot
6. Songhoy Blues – Kashmir
7. Syd Arthur – In the Light
8. Laura Marling – Bron-Yr-Aur
9. Max Jury – Down By the Seaside
10. Michael Kiwanuka – Ten Years Gone
11. Duke Garwood – Night Flight
12. Rose Windows – The Wanton Song
13. Kitty, Daisy & Lewis – Boogie with Stu
14. Hiss Golden Messenger – Black Country Woman
15. Sun Kil Moon – Sick Again

8 commenti:

  1. Il mio cuore batte al ritmo del martello di Thor...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. You need coolin', baby, I'm not foolin',
      I'm gonna send you back to schoolin'... :)

      Elimina
  2. Un momento bello e spensierato della mia vita accompagnato da queste canzoni.E chi lo dimentica più! Grazie per la segnalazione del cd redraw..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal CD mi aspettavo di più, comunque qualche bella reinterpretazione non manca.

      Elimina
  3. Mi tocca comprarli tutti e due :)

    RispondiElimina
  4. forse è il disco dei Led Zeppelin che amo di più, legato a dei ricordi bellissimi...ho quasi paura a sentirlo reinterpretato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me, per gli stessi motivi.

      Elimina

Welcome