mercoledì 25 novembre 2015

Giochiamo all'ISIS?

Non c’è giornalista o testata che non celebri l’orrendo rituale della reiterazione dell’orrore e della paura senza soluzione di continuità e indifferente al senso del limite. Carmilla - Verrà L'Islam e avrà i tuoi occhi

Non so. Di certo sarà a causa del bombardamento mediatico e di tutti quei video mostrati ad ogni ora e sicuramente assorbiti senza filtri, ma vedere dei ragazzini giocare ingenuamente ad emulare i tagliagole come in un videogioco vivente, mi ha lasciato interdetto. We need to talk.  
I maschi, si sa, crescono sempre più tardi e si divertono a giocare alla guerra. Io da piccolo mi costruivo le spade e facevo combattere interminabili guerre ai miei soldatini, poi con l'adolescenza leggendo libri e ascoltando certa musica ho velocemente cambiato prospettiva. Speriamo sempre bene.
Che tempacci per i bambini di oggi!


4 commenti:

  1. Splendida soprattutto la vignetta, devo dire. Anche a me capita spesso di pensare che, se davvero esistesse un "dio" personificato in grado di mandarci dei messaggi, il messaggio più urgente e intelligente per l'homo mica tanto sapiens sarebbe proprio una roba così: "Fate pure come se io non esistessi, ché tanto non ho nessun bisogno di venire adorato da voi scimmiette, soprattutto se le conseguenze devono essere quelle che sappiamo!"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se vai nel sito ce ne sono altre veramente azzeccate!

      Elimina
  2. Ho trovato ancora più bello l'articolo di Carmilla. Ancora una volta, come da quasi vent'anni a questa parte (dall'11 settembre, per intenderci), hanno usato la strategia della paura, per la chiamata alle armi. E, vista la crisi economica che ristagna, non è un bel segnale (chi conosce la Storia, capisce ...).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti, un insieme di segnali inquietanti...

      Elimina

Welcome