venerdì 6 maggio 2016

Il condominio dei cuori infranti


Titolo italiano da podio in un'ipotetica classifica di bruttezza.
Il film è un adattamento per lo schermo del romanzo Chroniques de l’asphalte, del regista-scrittore Samuel Benchetrit. Solitudini urbane nella periferia parigina che si incontrano in un anonimo palazzone fatiscente. Una commedia surreale che racconta tre storie:
L’invalido solitario che si innamora dell’infermiera triste (Gustave Kervern e Valeria Bruni Tedeschi), l’adolescente dimenticato che fa amicizia con l’attrice in crisi (Jules Benchetrit e Isabelle Huppert), l’immigrata araba che accoglie l’astronauta perso nello spazio (Tassadit Mandi e Michael Pitt).

Paradossale e stralunato, con una sceneggiatura scarna che però non sbanda mai grazie a dialoghi brillanti e concisi allo stesso tempo. Per l'assurdità delle situazioni e dei personaggi il primo regista che mi viene da accostare è 
Aki Kaurismaki. Se vi capita non perdetevi questa chicca.




Legenda voti
@ una cagata pazzesca
@½ pessimo
@@ trascurabile
@@½ passabile
@@@ buono
@@@½ da vedere
@@@@ da non perdere
@@@@½ cult
@@@@@ capolavoro

8 commenti:

  1. Spero di trovarlo in qualche sala.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come spesso capita, poco distribuito. Sono riuscito a vederlo grazie alla rassegna del cinemino vicino a casa.

      Elimina
  2. Da come ne parli (bel riferimento finlandese compreso) direi che fa per me... :)
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne sono certo! ;)
      A presto.

      PS: Mailand è in cima alla pila delle letture imminenti che scalpita... non vedo l'ora.

      Elimina
  3. Piaciuto davvero molto, ho adorato Jules Benchetrit e la tenerissima madame Aziza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero e poi anche gli altri: non c'è un personaggio fuori posto.

      Elimina
  4. L'abbiamo visto appena uscito, un lunedì pomeriggio e poi siamo andati ad ubriacarci in una rassegna collaterale del vinitaly, con in più cibo di strada... vabbe', cose nostra a parte, direi che concordo in pieno con quanto hai scritto.
    p.s.
    impossibile non tirare le orecchie ai titolisti italici, anzi, strapparle di netto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io dico che avete fatto un'ottima accoppiata! :)

      Elimina

Welcome