sabato 12 maggio 2018

Distopie presenti e future: The Rain, Westworld, The Crossing, The Handmaid's Tale, 3%

Dopo un periodo poco prolifico, grazie alle serie, la fantascienza negli ultimi anni è tornata vitale. A volte pure troppo! Infatti non tutto quel che luccica è oro; notevole ad esempio è stata la delusione per Altered Carbon.
Nelle prossime settimane inizierò comunque a seguire diverse storie, per poi decidere quali meritano di essere portate a termine. Con calma. Al momento, dopo appena quattro puntate, sono immerso in una delle cose migliori prodotte nell'ultimo decennio insieme a Breaking Bad: si tratta di The handmaid's tale. Chi volesse approfondire, ne ho già parlato qua. Sulle altre ci torneremo più avanti, forse. 
Dico forse, perché anche se in questi giorni mi è tornata la voglia di scrivere, la carenza di sonno dovuta ad un disturbo notturno di cui mi sto lentamente liberando, di giorno mi fa quasi assopire e (senza quasi) incazzare; specie se capita quando mi siedo davanti ad una tastiera. Forse i dieci anni di blog (fra un mese il compleanno) si fanno sentire? Chissà! 
Nel frattempo, chi è appassionato del genere butti un occhio su:

- The Rain (serie danese) Netflix
aggiornamento: Dopo poche puntate si è capito che siamo nel filone young adult, però con attori mediocri e dialoghi di una banalità sconcertante. Peccato, perché l'idea di partenza e l'ambientazione non sono male.

- 3% (serie brasiliana 2 stagione) Netflix

- Westworld 2 (Sky Atlantic) - Per ora non si capisce una mazza, ma il fascino resta inalterato.

- The Crossing (serie ABC) ora su Amazon. Forse la meno promettente, anche se in realtà la trama sembra intrigante. 

ps:  Senza bisogno di spingerci troppo nel futuro abbiamo già le nostre realtà più o meno distopiche...  Dipende dalla prospettiva da cui si guarda, ma dalla caduta del muro di Berlino in poi fino ad arrivare a Trump, a Putin e all'Europa attuale, qualcosa è andato storto.

9 commenti:

  1. Dieci anni di blog sono molti, lo so io con un blog leggermente più vecchio di tuo (solo qualche mese), ma quando vengo qui non mi assopisco mai ... quanto alle distopie di casa nostra, interessante l'articolo. Mega-centri commerciali sono spuntati come funghi anche nella mia città (e provincia), ormai ho perso il conto di questi luoghi immensi dove prima era tutta campagna e ora puoi liberamente consumare, consumare, consumare ... hanno vinto su tutta la linea, sembrerebbe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cerco di limitare, ad esempio frutta e verdura quasi tutta da un fantastico agricoltore locale che conosciamo da anni.
      Non so perché, ma le poche volte che entro in questi mega-centri mi diverto ad immaginarli abbandonati fra cento anni con la vegetazione che si riprende il suo spazio... Forse ho visto troppa fantascienza, ma prima o poi accadrà.

      Elimina
  2. Westworld mi attira ma preferisco dosare le cose e al momento sto seguendo The Handmaid' tale, quindi un distopico alla volta :D
    Auguri per il compleanno del blog, 10 anni non sono pochi in effetti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sto pensando ad un post per l'occasione anche se non so ancora bene cosa scrivere, se non che per i tempi della rete 10 anni sono come un era geologica. Grazie e a presto

      Elimina
  3. Happy Blogging!!!

    Per prima cosa.


    Dal 1989 ad oggi... mammamia

    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie...
      ...1989?? mi sfugge qualcosa

      Elimina
  4. Risposte
    1. Molto ben realizzato anche se, dopo la presa di coscienza dei robot, è svanito l'effetto sorpresa della 1° stagione. Almeno per ora (sono al terzo episodio).

      Elimina
    2. io sono curioso di capire se poi alla fine il finale sarà lo stesso del film.

      Elimina

Welcome