venerdì 26 giugno 2009

Quando ascoltavo Thriller


Micheal Jackson: Gary, 29/08/1958 – Los Angeles, 25/06/09
Se anche il sottoscritto (che nel 1982 ascoltava prevalentemente Talking Heads, Bauhaus, Cure, Clash, ecc...) aveva in casa e ascoltava questo disco, ci sarà stato un motivo! All'epoca era un grande artista e metteva tutti d'accordo. Poi chissà cosa è successo. Un corpo e una mente minati che forse ora hanno trovato pace.

19 commenti:

  1. Emblema di un mondo della finzione in cui oggi siamo tutti immersi, e vittima lui stesso di questo mondo che ha contribuito a costruire: amen, almeno di fronte alla morte, la realtà rivendica i suoi diritti!

    RispondiElimina
  2. Lascio un commento per ricordare altri due "grandi" scomparsi ieri ai quali Michael, da grande qual è, ha rubato totalmente i riflettori, sia pure per la sua ultima scena.
    Se ne va Jill Munroe, uno degli angeli di Charlie, nella vita reale nota come Farah Fawcett e con lei anche Sky Saxon, grandissimo del garage-rock, mente dei leggendari SEEDS.

    RispondiElimina
  3. Mediocre musicista, Grande ballerino, la coreografia del video di thriller lo dimostra. personalmente? Una vittima del successo. Una morte che va rispettata come quella di chiunque, nessuna mitizzazione, per carità.

    RispondiElimina
  4. Si é perso per strada. Non solo musicalmente ma interiormente. Forse l'hanno anche lasciato solo ma sicuramente fa male vedere una persona finire così.

    Ma quello che più mi disgusterà sarà vedere la corsa di tutti anche quelli che lo avevano ignorato a celebrarlo, a idolatrarlo ed a parlare di lui.

    La corsa a riedittare tutti i suoi dischi in versioni de luxe o special -limited -incredible -super editions.

    Lo sfrutteranno di nuovo anche da morto dopo averlo distrutto in vita.

    Era una persona con problemi, l'hanno lasciato solo e per questo va, soprattutto in questo momento, la nostra pietà nei suoi confronti.

    RispondiElimina
  5. concordo con daniele, mi piaceva ma poi si è perso per strada
    mi spiace che sia morto
    eravamo coetanei e il suo thriller ha aperto un'era

    RispondiElimina
  6. Thriller fu il muro di gomma dei paninari, sul quale noi rocker potemmo poco o nulla. Tuttavia era un bel disco. Poi Jackson fu il nulla al cubo. Grande showman, uno dei primi a capire l'importanza della video music. Contornato da sapienti marpioni. Sinceramente provo maggiore tristezza per la morte di Sky Saxon. In ogni caso Jackson fu lo spartiacque per la black music degli anni '80, che da lì in poi sarebbe stata tutta versetti, gridolini e sculettamenti.

    RispondiElimina
  7. e se il sottoscritto nell'87 ascoltava metallica, iron maiden, deep purple, megadeath, motorhead e aveva comperato BAD ....c'era un motivo........

    RispondiElimina
  8. Lui fu grande ma si perse irrimediabilmente dopo il grande successo di Thriller.

    RispondiElimina
  9. chissà se ora ha trovato, finalmente la sua pace!

    RispondiElimina
  10. una sorta di maradona della musica.

    RispondiElimina
  11. anche io ascoltavo altri generi di musica ,ma "Thriller" è lì sullo scaffale accanto a " Closer" dei Joy Division

    RispondiElimina
  12. Thriller. Ce lo abbiamo tutti quel vinile... Poi mi presi pure Off The Wall (che soffre meno il passare degli anni) ed un cofanetto che magari da domani (è immacolato) varrà una fortuna... Ciao Jaco. Grazie

    RispondiElimina
  13. "Off The Wall" è meglio di "Thriller" senza dubbio, almeno mio. Dopo il grande successo di "Thriller" ha perso la strada, ha cominciato a copiare dalla sorella Janet il look e le coreografie (confrontare il periodo "Bad" di Michael con quello "Control" di Janet, precedente) ed è morto come artista. Ora è morto anche il corpo (forse), ce ne faremo una ragione...oppure ci godiamo l'estate al suono dei Seeds!

    RispondiElimina
  14. Non ho mai preso un suo disco e non lo farò certo ora. Non l'ho proprio mai amato. Rispetto per il suo dramma umano e niente più.

    RispondiElimina
  15. Diego, sei troppo cattivo :-)

    RispondiElimina
  16. countryfeedback.splinder.com28 giugno 2009 14:36

    Pace all'anima sua, anche se (nonostante anch'io rientri nei milioni di persone che hanno a casa THRILLER, OFF THE WALL e BAD) non mi hai mai davvero entusiasmato (se non, appunto, in tenera età!).

    RispondiElimina

Welcome