lunedì 6 dicembre 2010

L'Italia che suona e ha qualcosa da dire: top tre 2010

Mentre nelle nostre radio e tv si trascina stancamente la sfilata dei dinosauri nazionali, ospitati in pompa magna per promuovere i loro cibi precotti o avariati, qualcosa di buono e di nuovo emerge sempre dal nostro panorama musicale, per lo più ignorato da tutti i media, a parte la rete.
In quanti conoscono A Toys Orchestra? Sono stati appena premiati come miglior gruppo indipendente del 2010. Non fanno roba di nicchia, ma pop song di classe con sostanza creativa; forse è una colpa il fatto di essere campani e cantare in inglese? Non credo, visto che il loro penultimo album, Technicolor Dreams del 2007, è stato disco della settimana alla BBC.
Dal vivo hanno confermato in pieno le loro qualità (sabato 27 novembre al Bronson) ma a vederli ci saranno state non più 150/200 persone, alcune delle quali di certo non si trovavano lì per il concerto: infatti hanno disturbato la performance in più momenti, tant'è che per il live successivo la direzione del Bronson ha avvisato: SI RACCOMANDA IL MASSIMO SILENZIO DURANTE LA PERFORMANCE DI MICAH P. HINSON. NEL RISPETTO DELL'ARTISTA E DEL PUBBLICO PRESENTE 
A questo punto dell'anno, finite le uscite, annuntio vobis i tre migliori album italiani del 2010:
1. A Toys Orchestra - Midnight Talks
2. Le luci della centrale elettrica - Per ora noi la chiameremo felicità
3. Tre allegri ragazzi morti - Primitivi del futuro

A Toys Orchestra - Live al Bronson 27-11-10

22 commenti:

  1. Le luci della centrale elettrica non sono un pò troppo, come dire, radical chic!? ;)

    RispondiElimina
  2. Le luci della centrale elettrica visti venerdì scorso. Vasco Brondi è un grande. Concerto intensissimo! Al momento è il mio disco preferito e il live merita altrettanto

    RispondiElimina
  3. @ James Ford:
    Dipende da qual è il tuo concetto di radical chic; forse non è proprio commerciale, ma direi che per Vasco Brondi non è una definizione appropriata.

    @ Lucy:
    Penso proprio di andare al suo cencerto del 22 gennaio.

    RispondiElimina
  4. sicuramente 3 nomi che sono anche tra i miei top italiani di quest'anno

    che gli a toys orchestra siano ignorati dalle masse urlanti non mi stupisce certo. io personalmente li adoro da questo video
    http://www.youtube.com/watch?v=HVGqxOr5nxE

    *mr ford
    il fatto che parli di loro al plurale, quando è solo una persona alias vasco brondi, denota quanto poco radical chic tu sia uaahaha :D

    RispondiElimina
  5. der Graf von Mailand6 dicembre 2010 19:41

    A me son piaciuti anche i Virginiana Miller

    RispondiElimina
  6. Sìsì, Lucien. Vai al concerto di Vasco, è assolutamente da vedere. Io sono rimasta folgorata, tanto che sto cercando di andare a vedere un'altra sua data ;)

    RispondiElimina
  7. Come sai ho sempre difficoltà a fare classifiche (mi piacciono troppe cose?), comunque le tue mi trovano spesso concorde. Le luci della centrale elettrica, me lo sono sempre fatto sfuggire per un pelo (concerti, dischi, interviste ... ma sento che prima o poi lo ripiglio ... c'è sintonia con lui).

    RispondiElimina
  8. @ Lucy:
    Grazie per avermi convinto! (anche se avevo scritto cencerto);)

    @ Alligatore:
    Ogni tanto rispunta questa mia mia mania/gioco che risale all'infanzia quando ascoltavo la hit parade alla radio.

    @ Marco:
    Se ti capita, valli a vedere! Fra l'altro, a proposito di cotte: te ne prenderai un'altra per Ilaria.

    @ der Graf von Mailand:
    Non li conosco bene, li ho ascoltati tempo fa di sfuggita.

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. l'ultimo cd de "le luci della centrale elettrica" erano in piena e bella vista alla Ricordi di piazza Duomo a Milano.
    Praticamente il cuore della musica milanese...
    detto questo, non ho idea di chi siano! :-P

    RispondiElimina
  11. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  12. Segnalati immediatamente. Grazie.

    RispondiElimina
  13. Non riesco ad appassionarmi alla musica di Vasco Brondi. Di roba italiana quest'anno effettivamente non ce n'è molta che mi sia piaciuta. Quest'anno l'estero mi ha detto di più

    RispondiElimina
  14. @allelimo: non sto parlando di musica indie. Ma se stai cercando un cd, lì dentro lo trovi al 99,9%. E non si può dire che non ci passino migliaia di persone al giorno. Quindi essere in vista lì, è essere in vista sul serio a Milano.
    Voglio vedere quanto serve essere esposto nel negozietto di 5x5 metri che magari ha musica di qualità, però...vedrà si e no un migliaio di visitatori all'anno.
    Ricordi è davvero un negozio importante di musica a Milano.

    RispondiElimina
  15. @ Manfredi:
    Siamo d'accordo; infatti solo tre album perché non c'è stato molto di più.

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. Non ho capito, scusa...se cerco un CD (lo desidero originale a tutti i costi) e lo trovo da Ricordi (ormai Feltrinelli) a Milano, ad un buon prezzo (sui 10 euro, o anche a meno)...che faccio, non lo prendo? Boh, forse non ho capito cosa volevi dire...O_o

    RispondiElimina
  18. non conoscevo i Toys orchestra, è stata una bella scoperta. grazie lucien.

    RispondiElimina
  19. @ Harmonica:
    Meritano stima. Come ha detto il loro frontman al concerto: - Veniamo dalla Campania e tentiamo di campare di musica, che è la nostra passione.

    RispondiElimina
  20. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  21. Allora avevo inteso giusto ;)
    Beh, in genere difficilmente trovo anch'io da Feltrinelli (anche se, volendo, di dischi da comprare ce ne sarebbero, specie quelli da 'lista dei desideri, soprattutto vecchi, e qualcuno che già possiedo ma che vorrei originale). Ad ogni modo condivido: MOLTO meglio Fnac, non c'è paragone. Come prezzi, catalogo e classificazione dei prodotti. Ci passerei giornate intere a spulciare ;)

    RispondiElimina
  22. volete sentire il vero indie? un gruppo passato inosservato ai più, ma intenso come pochi altri...Ascoltate LA RIVOLTA, si inizia con una Teiera degli elementi: "parla il marciapiede, parlano i suoi abitanti".
    www.myspace.com/gabrimascin/music/songs/la-rivolta-16701604

    RispondiElimina

Welcome