lunedì 20 giugno 2011

La mia ginnastica preferita

Talking Heads - Life During Wartime: per iniziare tonici la settimana.

Strepitosa performance fisica oltre che musicale. Il brano uscì per la prima volta in Fear of music; fu poi ripreso e pubblicato come singolo nel 1984 in occasione del film live e relativo album Stop Making Sense. All'epoca David Byrne abitava a Manhattan nel quartiere spanglish di Alphabet City, dove gli capitava spesso di vedere scene di crimine, droga e povertà. Guardando dalla finestra di casa scrisse il testo immaginando il mondo immerso in questo scenario da paura e sopraffazione in un clima da The Day After (si era ancora in piena guerra fredda).

9 commenti:

  1. Assolutamente, pezzo energizzante e fisicissimo!!! Come tutto il live strepitoso di cui sopra :)

    RispondiElimina
  2. il più bel film musicale che abia mai visto..come sai ne posto spesso degli estratti..adesso mi hai fatto venir voglia di mettere qualxcosa..dio se eran bravi eh?...

    RispondiElimina
  3. @ Brazz e SigurRos:
    Un live che rivedrei più che volentieri.

    RispondiElimina
  4. il più bel pezzo del più bell'album, per quanto mi riguarda!!!

    RispondiElimina
  5. Ma fa bene per il mal di schiena?

    RispondiElimina
  6. che dire: l'ultimo grande gruppo ?

    RispondiElimina
  7. Un biscione, uno spaventapasseri, una marionetta, minchia che energia.Distribuita fra tutti in eguale intensità.Stare li in mezzo, cammini da solo..L'ho visto il film..grande...Secondo un aiutino se la davano un pò tutti...

    RispondiElimina
  8. @ Diamond:
    Remain in Light e Fear of music sono due capolavori. Amen

    @ Alligatore:
    Allo spirito di sicuro. :)

    @ Harmonica:
    Può anche darsi... dipende dai punti di vista. Ho un paio di amici (eretici) che non li hanno mai apprezzati.

    @ mr.Hyde:
    Può anche darsi, ma non ci giurerei. Qui serve allenamento vero(e 30 anni in meno del grande Byrne)

    RispondiElimina
  9. direi che anche more songs sia un capolavoro..riguardo a remain in light,capolavoro è quasi "riduttivo2.disco epocale lo definirei..e non credo di esagerare..

    RispondiElimina

Welcome