venerdì 16 marzo 2018

David Byrne

Un'anteprima strepitosa dello spettacolo che ci aspetta dal vivo al Ravenna Festival, quando tredici musicisti suoneranno e si muoveranno liberi tra il pubblico all'interno di un grande spazio luminoso. American Utopia non sarà l'album dei miei sogni (3/4 brani sono comunque notevoli) ma quest'uomo a 66 anni dà ancora la paga a un sacco di artisti.

We're only tourists in this life
Only tourists but the view is nice

12 commenti:

  1. Concordo su American Utopia, a me piacciono le prime due e le ultime due. Molto bella l'idea dei "musicisti senza fili". I Talking Heads han cambiato la vita pure a me e adesso mi sto riascoltando la discografia solista di Byrne: il passare del tempo mi ha fatto rivedere alcuni giudizi (in bene e in male). Forse la cosa più interessante che ha prodotto recentemente è il libro How music works!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Il libro purtroppo non l'ho letto ma su come funziona la musica mi pare che ne sappia parecchio. Di recente ho riascoltato Rei Momo e suona ancora bene, nonostante io non sia mai stato appassionato di musica latino-americana.

      Elimina
  2. Devo ascoltare l'album, oltre a te anche due amici fidati mi hanno detto lo stesso del disco.
    Sicuramente sarà la performance live la cosa interessante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo aver visto questa esibizione non ho dubbi. Spero anche ci regali qualche vecchio pezzo rivisitato da Fear of Music o Remain in light

      Elimina
    2. Eh! Sarebbe davvero figo.

      Elimina
  3. Il termine "genio" per molti abusato, forse per lui è indicato (e senza troppo tirarsela).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che hanno fatto lui e Eno in musica corrisponde indubbiamente alla definizione.

      Elimina
  4. Concordo con @Ally e grazie per avermi fatto venire voglia di riascoltare Rei Momo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me resta il suo migliore album da solista.

      Elimina
  5. l'album non è niente di eccezionale,un po' come tutta la sua carriera solista,secondo me inferiore a quella con i TH, remain rimane la vetta irragiungibile,insieme a mylife...lo spettacolo sembra molto intrigante,sono curioso di vederlo.e so che se farà qualcosa di remain,piangerò...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piangerò...idem!
      E' vero, Fear of music, Remain in light e my life con Eno sono stati l'apice.

      Elimina
  6. Concordo con Alli, è un "genio", ma anche con Brazzz, "inferiore a quella con i TH", ma di poco ...

    RispondiElimina

Welcome