martedì 30 novembre 2010

Il cinema non morirà mai

Il cinema non morirà mai. Morirà la sala cinematografica, forse, ma di questo non mi frega proprio niente. Mario Monicelli

La Grande Guerra - 1959
Sul set di Amici miei (1975), con Tognazzi, R. Montagnani, A. Celi e P. Noiret
La ragazza con la pistola - 1968


17 commenti:

  1. Un Maestro del nostro Cinema.
    Grandissimo.

    RispondiElimina
  2. Così come non moriranno mai i grandi uomini come lui.

    RispondiElimina
  3. La frase che hai messo come epigrafe è bellissima perchè marca la differenza tra contenuto e contenitore.
    Troppo spesso invece ci ritroviamo a parlare del contenitore (la parte "facile") dimenticando che il contenuto è l'unica cosa che conta veramente.
    Gli sia lieve la terra.

    RispondiElimina
  4. Amo e amerò il Cinema di Mario Monicelli.
    Pace all'Anima sua.

    RispondiElimina
  5. che dispiacere mi ha fatto un effetto tremendo,arrivare fino a 95 anni per poi suicidarsi

    RispondiElimina
  6. Che amarezza! era ancora così vispo e combattente. Di lui rimarranno tante bellissime pagine di cinema.

    RispondiElimina
  7. Un vero maestro di arte e di vita!

    RispondiElimina
  8. E' morto com'era vissuto: libero. Nel solo modo che un paese servo lascia agli uomini liberi nelle sue condizioni.
    Lascia un tesoro inestimabile di arte pura.

    RispondiElimina
  9. Con Monicelli se ne va un pezzo del cinema italiano. Gli altri sono sotto il tappeto di Bondi.

    RispondiElimina
  10. Ha fatto la scelta giusta. Perchè morire inebetito da farmaci che non ti salvano, se puoi scegliere liberamente quando è l'ora di chiudere gli occhi per sempre? Del resto l'aveva detto alcuni anni fa in un'intervista: "Non mi fa paura la morte, mi fa paura la sofferenza."

    RispondiElimina
  11. Come tutti piango Monicelli, però la frase non mi trova completamente d'accordo. Sono legato alla buia sala cinematografica e senza di essa il cinema non sarà più lo stesso. Ma a lui non piacevano le cermonie ed era un grande demistificatore. Per questo la frase ci sta.

    RispondiElimina
  12. @ Alligatore:
    Anch'io spero che le sale cinematografiche non chiudano, perché dentro i cinema ci sono cresciuto (abitavo nel retro-cortile di una sala storica)
    La frase però mi piace perché è provocatoria nel suo stile, probabilmente detta per mettere l'accento sul contenuto e sull'idea di cinema come arte e per questo destinato a restare per sempre nella Storia al di là di qualsiasi mutamento tecnologico.

    RispondiElimina
  13. Con Muccino e company c'è il rischio che muoia anche il cinema. perlomeno in Italia. o forse è già morto.

    RispondiElimina
  14. la ragazza con la pistola.
    me lo sto guardando per ...bè, cosi...

    quello che c'era di buono sta svanendo. o sono forse solo depressa per via della stagione?

    scrivimi qualcosa di consolante.

    love, mod

    RispondiElimina
  15. @ Mod
    Forse non sono molto consolanti, ma le freddure uscite da poco su spinoza.it, proprio su di lui sono tremende e favolose.
    Sono dei fottuti geni!

    RispondiElimina

Welcome