domenica 11 novembre 2012

28 anni fa

In certi momenti è normale guardarsi indietro e sfogliare l'album dei ricordi con un filo di nostalgia. L'incontro casuale con un carissimo amico, compagno d'avventura nella musica, mi ha proiettato in quegli anni in cui si cercava con furore di uscire  dalla provincia anonima, quando la rete e i cellulari erano vera fantascienza.
Bologna Parco Nord, 1984: con i Reverse si suonava questa roba qua. Con i mezzi di allora la registrazione è anche troppo buona. 

16 commenti:

  1. una bella cesura storica, di vita e di rock!

    RispondiElimina
  2. Ho fatto un pasticcio e ho dovuto ripostare; i vostri commenti per fortuna li ho recuperati.

    @ Cirano:
    C'è anche chi ha continuato (senza camparci) io purtroppo (con un po' di rimpianto) ho smesso presto.

    mr.Hyde:
    Ho scelto una (per me) delle migliori, ci sono anche delle schifezze, però le idee non mancavano.

    @ Brazz:
    Il primo spilungone a destra!

    RispondiElimina
  3. e vai Lucien, si sente che non sapevo suonare la tastiera

    RispondiElimina
  4. In un ritorno al futuro, sareste stati perfetti per un'intervista sul mio blog ... sto muovendo la coda ad un bel ritomo ;)

    RispondiElimina
  5. Berica e Zefirina:
    Grazie, troppo buone! :)

    @ Hans:
    Pur di entrare avresti suonato anche il triangolo!
    Poi ti sei rifatto e sei diventato il Boss dello slapping. ;)

    @ Alligatore:
    Magari: Un bel Back to the future.
    Così potremmo sventare il furto di tutta l'attrezzatura

    RispondiElimina
  6. Non è il mio genere, ma comunque eravate bravi.
    :)

    RispondiElimina
  7. @ Allelimo:
    Non è che avessimo un genere vero e proprio, però riascoltando questo pezzo dopo tanti anni, mi pare uno strano mix tra Tom Tom Club e Contortions.

    RispondiElimina
  8. Lucien, eravate pienamente nel genere "funk alla Talking Heads", dai!
    Niente di male, anch'io all'epoca suonavo (cercavo di suonare) nel genere "post punk alla Cure", e qualche anno dopo "noise alla Sonic Youth" etc.
    Sono passati tanti anni, e mi è molto facile ammetterlo.
    :)

    RispondiElimina
  9. @ Allelimo:
    In effetti è vero, però c'è da dire che ero soprattutto io a spingere in quella direzione, ma non sempre la spuntavo perché c'erano gusti e sensibilità molto diverse (i gruppi sono belli anche per questo).
    Il cantante era più filo David Sylvian/art-rock; la cantante decisamente dark e il chitarrista rockettaro nell'anima (bisognava stare in guardia se no gli partiva l'assolo). .
    E Hans? Era il più poliedrico: da Frank Zappa agli A Certain Ratio.

    Poi c'è la fase due ma io non c'ero più.

    RispondiElimina
  10. si è vero avrei fatto di tutto per entrare nei reverse, ero un fan.... poliedrico mi pare un po' esagerato, però gli A Certain Ratio erano pane quotidiano... in questo video i Reverse appena dopo che Lucien se ne andato.

    http://www.youtube.com/watch?v=EVa5tRH57e0&feature=BFa&list=PL79CC86473384F638

    RispondiElimina
  11. @ Hans:
    ... per inseguire un amore che è poi è quello che mi ha salvato, più della musica!
    In questo live mi piace un sacco la versione danzante di Several Cosmetic. :)

    youtu.be/Kuqgtn75YKA

    RispondiElimina
  12. si sono daccordo anche io la musica mi ha salvato.... tu parli di due fasi dei reverse, secondo me sono state tre, la prima dove io non c'ero e il live da tino dice tutto anche perchè è la registrazione migliore rimasta con toz e edo, la seconda che è quella del live postato qui e la terza con l'uscita di paolo e tubi e l'ingresso di franco degli angel alla batteria che ci ha fatto incidere un vinile con altri gruppi e ci ha fatto arrivare ai concorsi pre-castrocaro e proprio in questi concorsi è cominciato lo squallore, siamo stati costretti a suonare in playback e anche gli ingaggi nei locali erano calati, negli anni 80 eravamo arrivati a prendere 700/800 mila lire a suonare i nostri pezzi, nell'ultimo gruppo dove ho suonato i cumoiadadì quando andavamo in giro nei locali della nostra zona per chiedere di suonare ci rispondevano se eravamo una coverband ci avrebbero preso oppure quanti fans portavamo, e comunque al massimo per mangiare e bere, una volta in un locale volevano 50mila lire loro perchè dicevano che avevamo bevuto troppo e forse era vero.

    RispondiElimina

Welcome