venerdì 7 dicembre 2012

Disco del weekend: Tre Allegri Ragazzi Morti - Nel giardino dei fantasmi

Esce oggi, a distanza di due anni da Primitivi del Futuro il nuovo album dei TARM dal titolo altrettanto evocativo. La svolta reggae/dub del loro precedente album mi aveva entusiasmato: uno dei migliori album italiani del 2010. Da quello che ha scritto Tofolo nel sito del gruppo e a sentire la canzone sotto, dovremmo essere di nuovo in quei territori. Bellissima idea: nel sito della band, cliccando sui vari personaggi, si possono ascolatare le anteprime di un minuto delle undici canzoni con il link a youtube dove i brani sono integrali. Così che si usa la rete!
L'avevamo immaginato come l'incontro dei nostri fantasmi (il rock, il reggae, il dub, la canzone d'autore, il folk) con qualche fantasma più esotico. Il risultato è una musica etnica, di un'etnia immaginaria, fantastica. La nostra. Siamo ALLEGRI RAGAZZI MORTI.




3 commenti:

Marco Goi - Cannibal Kid ha detto...

spettacolo, lo attendo con curiosità. il primo singolo la mia vita senza te promette bene, così come il pezzo che hai postato qui sopra!

Blackswan ha detto...

Sai che li ho sempre snobbati ? Mi sa che devo rimediare...

Lucien ha detto...

@ Blackswan e Marco:
In passato anch'io, poi con la svolta di Primitivi del futuro li apprezzati parecchio. Questo nuovo lo sto ascoltando. Ci sono canzoni bellissime: quella postata, i cacciatori, la mia vita senza te; qualcuna un po' troppo ripetitiva nel testo. Nel complesso un ottimo disco di musica italiana, in un anno dove ho trovato poche cose interessanti.