giovedì 13 dicembre 2012

Il ritorno di John Grant

Un ritorno gradito quello di John Grant in versione sorprendentemente elettronica con un video piuttosto enigmatico che anticipa l'uscita a marzo del suo nuovo lavoro intitolato Pale Green Ghosts. Disco registrato in Islanda (dove il cantautore risiede da un po' di tempo) con la partecipazione di Sinead O'Connor.
A tre anni da Queen of Denmark, il primo album solista che aveva conquistato con il passaparola della rete molti estimatori fino ad un inaspettato, ma meritato successo, pare ci siano grandi cambiamenti: senza l'accompagnamento dei Midlake, verso territori new wave anni '80 (come si può intuire dal brano nel video sotto). Staremo a vedere. Nell'attesa mi torna alla mente il bel concerto del cantautore di Denver, un anno e mezzo fa nella chiesa di Sant'Ambrogio a Bologna, in una dolce sera d'aprile.

6 commenti:

Marco Goi - Cannibal Kid ha detto...

pezzo molto diverso da quanto fatto con il primo album. interessante però boh, ci sarà da ascoltarlo meglio...

Blackswan ha detto...

Ancora non ho capito se Queen Of Denmark è un capolavoro o una sontuosa cagata. Mi applicherò anche a questo, spero con risultati migliori :)

Resto In Ascolto ha detto...

I wanna go to mars gira ancora nel lettore alla grande, ma il primo ascolto di pale green ghosts mi ha lasciato impietrito...in negativo... in attesa di ascolti futuri ...

Lucien ha detto...

@ Gianni e Marco:
"Queen of Denmark" è stato una storia a sé: inutile percorrere ancora quella strada. Vedremo come sarà questo disco. A me il pezzo, con quel tappeto elettronico alla John Foxx, piace.

@ Blackswan:
John Grant con "Queen of Denmark" ha avuto la fortuna di indovinare due - tre pezzi clamorosi, fra cui Marz, il resto decisamente inferiore, ma non a livelli di una cagata. :)

allelimo ha detto...

Boh 'sto pezzo qui mi sembra decisamente brutto.

nella ha detto...

Grande coraggio anche per la collaborazione con la O'Connor( grande voce....)