domenica 7 febbraio 2016

L'ottavo film di Tarantino per me è il settimo


Dopo aver letto ormai un centinaio tra post e articoli che vanno dalla stroncatura (del tipo Tarantino non ha più niente da dire e cita se stesso) alla glorificazione, butto giù qualche idea senza il minimo accenno alla trama di cui non andrebbe svelato nulla.

- Con Quentin siamo abituati ad un livello così eccelso che ci si aspetta sempre di più e si tende ad essere severi alla minima flessione.

- In questo caso, per quanto riguarda la mia personale classifica, The Hateful Eight va a collocarsi al penultimo posto tra le sue opere. Il che non significa assolutamente bocciatura, ma 3 tazze e ½ cioé da vedere come dice la legenda della teiera.

- Lasciatemi spendere altre due righe per un personaggio che entrerà nella storia del cinema di Tarantino (e non solo) alla stregua di Mr. Wolf. Sto parlando di Jennifer Jason Leigh e della sua beffarda fuorilegge Daisy Domergue. Per me è già un cult.

- I dialoghi sono magistrali come al solito, veri e propri meccanismi ad orologeria.

Infine ecco la lista dei magnifici otto. L'ultimo potrebbe essere il primo per centinaia di registi.

1. Pulp Fiction                 @@@@@
2. Django Unchianed       @@@@@
3. Jackie Brown              @@@@½
4. Bastardi senza gloria   @@@@½
5. Le Iene                      @@@@
6. Kill Bill                       @@@@
7. The Hateful Eight        @@@½
8. Grindhouse                @@@

11 commenti:

  1. Per me è l'ottavo in tutti i sensi.

    RispondiElimina
  2. Io fino a domani non ne parlo.
    Posso dire, però, che della classifica condivido solo l'ultimo e il primo. ;)

    RispondiElimina
  3. L'ho visto giovedì, seduto in prima fila perché non c'erano altri posti, ma credo sia il posto giusto per gustarlo. Mi è piaciuto molto, nella mia personale classifica va al secondo posto, dopo Django Unchianed, per me il primo, e a parimerito con Jackie Brown ... mi manca di vedere solo Grindhouse, che passerà in tv giovedì, e che cercherò di guardare per colmare la lacuna.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece sabato pomeriggio, sala semideserta: condizioni ideali.
      Ma come e Pulp Fiction?

      Elimina
    2. Pulp Fiction è terzo, solo terzo per me, dopo
      1. Django Unchianed;
      2. Jackie Brown ex aequo con The Hateful Eight. Poi, dopo Pulp Fiction, Le Iene, Kill Bill, Bastardi senza gloria. Vediamo cosa mi dirà Grindhouse.

      Elimina
  4. le opere minori dei bravi certi le stroncano, ma come dici, potrebbe essere il miglior film della vita per tanti registi.
    mi sono piaciuti più Django e Bastardi, degli ultimi tre, ma siamo sempre a livelli alti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come al solito uno degli sport preferiti, come accade anche per certi registi nazionali...

      Elimina
  5. visto sabato. direi abbastanza deludente... tempi lunghi alla cinese (e dire che il suo forte era il montaggio...qui non sembra nemmeno montato...troppe parti inutili). nella versione italiana, qualche becero errore di traduzione (che trovo inconcepibile nel 2016), e doppiaggio non sempre all'altezza. boh...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo al di sotto dei parametri tarantiniani che però, ribadisco, per altri sono ad anni luce.
      Sul doppiaggio il buon Quentin credo possa farci ben poco: in effetti ho visto alcuni passaggi in americano e non c'è paragone.

      Elimina

Welcome