sabato 20 febbraio 2016

Quelli che... hanno letto Umberto Eco a undici anni

Quelli che... dichiarano di aver letto Il Nome della Rosa a 11 anni (giuro, l'ho appena letto su twitter) mentre io purtroppo solo a 25 impegnandomi discretamente.

Quelli che... in rete sono intellettuali ed estimatori di Umberto Eco e probabilmente il libro più impegnato che hanno letto è 50 sfumature di grigio.

Quelli che... "A voi Umberto Eco piace solo perché non avete dato l'esame di semiotica."

Quelli che... "Ma come si chiamava sta rosa?"

Quelli che... hanno sempre il coccodrillo pronto.

Quelli che...

13 commenti:

  1. 92 minuti di applausi...io il nome della rosa l'ho iniziato a 30 anni e dopo poco l'ho lasciato perdere...(il film però mi è piaciuto un sacco)..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il film, pur semplificando, è molto rispettoso.

      Elimina
  2. Ahimè, hai ragione. Ho letto il nome della rosa a 15 anni, ma non avevo le basi filosofiche per capirlo appieno, quindi l' ho riletto a 17 anni, ed è andata meglio :) E comunque Eco mi aveva già ammaliata se poi mi sono laureata in storia medievale su una tesi sull'eresia piemontese ( penitenziagite di dolciniana memoria). E non contenta, sempre seguendo le indicazioni di Eco che esortava tutti a fare del proprio meglio (" fa' in modo che la tua tesi di laurea sia la migliore"), ho continuato i miei studi in antropologia culturale indirizzo linguistico. Gli devo tantissimo, la sua grandezza culturale mi ha affascinata fin da ragazzina ed ho voluto seguire i suoi insegnamenti, ed oggi ho perso il mio Maestro :'(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bel percorso! Questi sono i docenti di cui avrebbero bisogno i ragazzi.

      Elimina
  3. Il nome della rosa l'ho letto un paio d'anni dopo l'uscita, comunque anche il film ninè niente male. Di Eco ho letto il pendolo due volte e il cimitero, posso dire poco quindi sicuramente un grande intellettuale, una mente libera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ricordo che ero appena stato operato e lo divorai durante la convalescenza. In ogni caso non è una lettura da adolescenti: dubito di quei professori che pretendono di far apprezzare la letteratura a studenti di 14/15 anni obbligandoli a leggere "Cronache di poveri amanti". E' capitato a mio figlio in prima liceo...

      Elimina
    2. A volte gli insegnanti... Si può dire ogni cosa al tempo giusto?

      Elimina
  4. Il Nome della Rosa non l'ho letto, è grave?
    Però ho seguito alcune sue lezioni a Bologna, un piacere ascoltarlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è mai grave ma in ogni caso si è sempre in tempo. Se sei una lettrice, ti sei privata di un piacere non indifferente.

      Elimina
  5. io l'ho letto a 21 anni, appena uscito. io lo conoscevo per quel che pubblicava sull'espresso. ho letto anche tutti gli altri romanzi eccetto il pendolo di foucault. per me era (anche) un grande romanziere e - per rispetto alla persona e allo scrittore - leggerò l'unico che mi manca, mi sembra di doverglielo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche perché è un gran bel libro!

      Elimina
  6. Considerava moralmente inferiore chi votava centrodestra? Che razza di idiota.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, secondo me è una teoria di quelli di Libero forse perché "loro" hanno un complesso di inferiorità. Io non ho mai sentito dirglielo.

      Elimina

Welcome