domenica 11 giugno 2017

1977

Le note autobiografiche di questo blog (che in giugno compie 9 anni) riportano in estrema sintesi: I grew up in the 70's between flower-power and punk. Un decennio di contraddizioni e grandi trasformazioni per gli adolescenti di allora, nati in pieno miracolo economico e poi cresciuti negli anni di piombo.
Il 1977 è l'anno di rottura: il primo gennaio finisce ufficialmente Carosello e la Rai inizia le trasmissioni a colori! Battute a parte e riferendomi alla musica, a Londra esplode definitivamente il fenomeno punk che in Italia come sempre attecchisce in ritardo: i primi emuli li vidi due anni dopo quando abitavo e studiavo a Bologna ad un concerto dei Gaznevada. 
Tornando al nostro anno, ecco una selezione dei 12 album preferiti sulla teiera volante. Ce n'è uno che non mi stanca mai e periodicamente rientra nelle rotazioni dei miei ascolti. Ne ho già parlato qui.



26 commenti:

  1. Anno fondamentale, dove il sogno del '68 dava una definitiva fiammata, criticandolo, attaccando le sue contraddizioni, il suo tradimento ... musicalmente non sono un grande appassionato del periodo, così, ora, mi vengono in mente solo i Clash.

    RispondiElimina
  2. Quando è l'anniversario del blog? Giorno esatto ...

    RispondiElimina
  3. Dischi spettacolari. Soprattutto Marquee Moon è un disco di un'attualità spazziante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "attualità spiazzante" è la giusta definizione

      Elimina
  4. Sti capperi che anno!

    Effetto nostalgia a parte e anche senza idealizzare il passato, dubito che di questo 2017 resteranno altrettanti dischi memorabili...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo anch'io... l'attesa comunque è per National e Arcade Fire.

      Elimina
  5. Uno dei primi blog con cui ho stretto amicizia e ne sono contento. Senza mai un calo di livello.Andiamo al'77: anno di grandi cambiamenti anche per me.Dei tuoi preferiti sono legato a quello di Peter Gabriel, ai Talking Heads, e Heroes...
    Auguri, buon blogcompleanno!!

    RispondiElimina
  6. Fa piacere leggerti, da sempre e sono felice che hai ricominciato a postare, a dire il vero da un po'.

    Grande anno, indubbiamente, senza entrare nella musica, alcune di queste copertine sono dei capolavori di arte grafica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il piacere è reciproco.

      E' la cosa più bella che si è persa.

      Elimina
    2. Eh sì si, la copertina del vinile era di fatto un "quadretto" poi il cd si è impicciolitto e ora i file "liquidi", ovviamente solo un dato di fatto, ognuno ascolta la musica come preferisce. Ciao!

      Elimina
  7. Il '77 mi ha cambiato la vita (come a molti di voi, suppongo) e i dischi che hai postato sono tutti da tramandare ai "posters". Di tutti, quello che trovo inoxidabile è "Hesores"; anche se Bowie non è il mio artistone preferito in assoluto, comunque voterei "Heroes" come canzone del secolo.

    Un abbraccio a tutti e in particolare a Lucien per il compleanno della sua creatura.
    Ciaoooooooooooo.

    RispondiElimina
  8. Perdonami avevo scordato di dire AUGURONI!!!!!!!!

    RispondiElimina
  9. Era anche l'anno della Febbre del Sabato Sera, con tutte quelle canzoni famose dei Bee Gees e l'esplosione della disco music. Da un lato la disco e dall'altro il punk... che anno eccezionale, quel 1977! Uscivano i Clash e i Pistols che hai già segnalato, mentre moriva la più grande tra le icone rock: Elvis Presley. Una volta lessi (non so più dove) che gli anni Ottanta iniziarono nel 1977, e se andiamo per macroperiodi penso proprio che la definizione sia esatta. Anche al cinema, ora che ci penso, usciva Star Wars, tanto per dirne una.

    RispondiElimina
  10. Ci sta! E poi arrivò la new wave...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e dopo il Gunge edopo ...il buio :(

      Elimina
  11. io mi divido fra bowie, sex e television. non so, ma i clash dopo un po' mi hanno sempre annoiato. seppur l'album d'esordio era un gran bell'album.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io preferisco senza dubbi i Clash successivi, specialmente Sandinista.

      Elimina
    2. Anch'io preferisco i Clash da London Calling in poi. E forse Sandinista è il loro capolavoro.

      Elimina
  12. Avevo 18 anni e mentre scrivo questo commento sto ascoltando Confortably Numb che sarebbe uscito un paio di anni dopo...bella compilescion ...io toglierei Low ..è sufficiente Heroes..e metterei Rattus Norvegicus - Stranglers ...io metterei ..tu fai quello che ti pare ;o)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molti considerano Low superiore a Heroes come album. Però la title track... :')

      Elimina
  13. Low ed Heroes non potevano mancare! Antonio, mai stuzzicare un fan del Duca :-)))

    RispondiElimina

Welcome