giovedì 8 settembre 2011

Sette canzoni: David Sylvian


Dopo l'esperienza con i Japan ha attraversato indenne gli anni '80, decennio troppo spesso ingiustamente disprezzato, (bastava sforzarsi e grattare un po' la superficie sintetica) realizzando musica per menti libere e pensanti e mantenendo una coerenza estetico-musicale quasi unica. Amo sempre la sua musica per quanto mi risulti ostica la via di ricerca musicale che intrapreso negli ultimi anni.


  • Forbidden Colours (1983 con Sakamoto)
  • The ink in the well  (1984 promo video diretto da Anton Corbijn)
  • Nostalgia (1984)
  • Orpheus (1987)
  • When poet dreamed of angels (1987)
  • Midnight sun (1999)
  • Money for all (2007 con Nine Horses) 

13 commenti:

  1. Ho ascoltato Manafon (2009) e debbo dire che si, me lo aspettavo qualcosa di così diverso.. è un lavoro intimo, minimalista, molto in linea con il principio di "togliere dall'espressione tutto cio' che non è strettamente necessario"...David Sylvian è uno sperimentatore.
    ...Tuttavia mi piace di più ascoltarlo nella versione corrispondente ai pezzi che hai inserito nel post...

    Non so se conosci questo video di Orpheus:

    http://youtu.be/2OSPGxVwmVY

    RispondiElimina
  2. Difficile ridurre David Sylvian a sette canzoni, ma qui non posso esimermi e ci provo:

    1 - Ghosts (da "Tin Drum")
    2 - Brilliant Trees (dall'album omonimo)
    3 - Words with the Shaman (suite dall'ep omonimo)
    4 - Orpheus (da "Secrets of the Beehive")
    5 - Darkest Dreaming (da "Dead Bees on a Cake")
    6 - A Fire in the Forest (da "Blemish")
    7 - Small Metal Gods (da "Manafon")

    RispondiElimina
  3. Più o meno condivido quelle di Lucien, certo che per farmi entrare "Blemish" facevo prima ad ingoiare un etto di castagnaccio freddo.

    RispondiElimina
  4. @ Mr Hyde:
    Sì, lo conosco. Non l'ho messo perché l'avevo già postato qualche tempo fa.

    @ allelimo:
    In effetti hai ragione per quanto all'ultimo Sylvian è il termine "canzone" che risulta riduttivo.

    @ sassicaia:
    Io non l'ho ancora digerito...

    RispondiElimina
  5. Scaletta che sottoscrivo in toto.
    The Secrets of Beehive e Brilliant Trees sono ancora saldamente posizionati fra i miei trenta dischi per sempre.

    RispondiElimina
  6. L'ho seguito fino al 1987, poi, non me ne volete, ho trovato molta spocchia rivestita da musica.

    RispondiElimina
  7. Sylvian avrebbe potuto sfornare una decina di repliche di "Secrets of the Beehive", invecchiare tranquillamente e fare felici i suoi fan, ma come aveva già fatto al tempo dei Japan, ha deciso di non fermarsi.
    Non succede spesso, ma per fortuna succede.

    RispondiElimina
  8. Ho aperto un nuovo blog di cinema dove ognuno può collaborare scrivendo "recensioni", passa se ti va: http://onewordaboutcinema.blogspot.com/

    A presto!

    RispondiElimina
  9. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  10. Grande scelta dei 7 pezzi, ma su Sylvian è sempre difficile.
    Lo adoro, sono cresciuta con la sua musica, l'ho seguito fino al 1987 e poi mi sono persa, ma The Secrets of Beehive e Brilliant Trees rimangono tra i miei dischi in assoluto preferiti.
    Fantastica la colonna sonora di Furyo, quella Forbidden colours che da quasi 30 anni non manca nella mia colonna sonora quotidiana

    10 settembre 201

    RispondiElimina
  11. Ottime scelte, aggiungo anche io Ghosts e sono a posto.

    RispondiElimina
  12. amo molto del suo lavoro,,difficile scegliere per fortuna,e dal vivo grande emozione!

    RispondiElimina
  13. aggiungo alle vostre liste il singolo "Pop Song" e lo strumentale "Home" da "Gone To Earth".

    RispondiElimina

Welcome