venerdì 16 dicembre 2011

Teapot album 2011: n° 7 Tinariwen - Tassili

Lo scorso inverno, dopo aver passato del tempo nel deserto con i Tuareg, mangiando e suonando insieme attorno al fuoco, sono stato toccato dal loro blues. Una musica che, come quella dei Tinariwen, merita di essere ascoltata e vissuta dal vivo per coglierne l'essenza. Per loro è come un respiro: suoni e voci che colgono l'anima del deserto e la vita vera delle persone. 
Quando mi hanno chiesto perentoriamente di suonare qualcosa della nostra tradizione sono stato colto di sorpresa: qualcuno aveva fatto la spia... Che cosa proporre? Cantautori? Romagna mia? L'inno di Mameli? Alla fine nonostante la ruggine e la mancanza di plettro (un buon chitarrista, cioè non io, ne ha sempre uno con sé) me la sono cavata. Un capodanno magico e irripetibile.

13 commenti:

Blackswan ha detto...

Splendida storia,Lucien,e sono curiosissimo di sapere cosa ti sei messo a suonare.:)
Sui Tinariwen ci siamo già raccontati tanto e quindi non posso che sottoscrivere la tua scelta.

Lucien ha detto...

Sono partito con un giro di blues improvvisato, soprattutto per le parole (con la guida locale che tentava di tradurre). Il resto l'hanno fatto loro con cori e percussioni: una jam session di notte nel cuore del Sahara!

Se vuoi vedere qualche foto:
tinyurl.com/d9m22yn

brazzz ha detto...

ehi..lo sai che il 16 aprile prossimo tinariwen saranno al bronson a ravenna?...obbligatorio esserci...

mr.Hyde ha detto...

Godimento!..Anche il video è bello..Se fossi stato da quelle parti mi sarei fregato il dobro semielettrico...grazie per questo bel pezzo.

Lucien ha detto...

@ brazzz:
Segnato!

mr.Hyde:
A proposito di "quelle parti" prima o poi andrò al Festival du desert (quest'anno c'è 12-13-14 gennaio).

mr.Hyde ha detto...

Mi piacerebbe andare e anche incontrarti, in questa bella occasione...ma, in termini di pecunia, hai fatto una valutazione?

Lucien ha detto...

Per ora no, ma il problema vero non è quello quanto il periodo in cui si svolge: quasi impossibile per il lavoro che svolgo.

SigurRos82 ha detto...

16 aprile a Ravenna?? In effetti l'Italia era stata saltata a piè pari in questa parte di tour del 2011...mo' cerco le altre date :)

Sul disco ho poco altro da aggiungere che non sia stato già detto, il loro migliore insieme ad Aman Iman del 2007 :)

Lucien ha detto...

@ SigurRos:

Eh sì, facciamo concorrenza alle metropoli; 4 date: Ravenna, Milano Roma e Torino. :)

SigurRos82 ha detto...

Ottimo!!! Milano e Torino, spero di riuscire ad esserci ad una delle due!!! :)

nella ha detto...

Curiosa di sapere dove passi il Capo d'anno quest'anno....chissà che cosa potresti proporre di originale!Ma poi che cosa hai suonato? La pizzica, la tarantella, un pezzo d'opera etc etc..... curiosissima...

Lucien ha detto...

@ nella:
Quest'anno capodanno in casa! Dovevamo trovarci a Lisbona, ma vengono gli amici "portoghesi" da noi.
Come ho scritto nel primo commento, sono partito con un blues. Poi ho suonato un po' di tutto.

nella ha detto...

Bene caro Lucien , trovo molto utile applicarsi in vari stili, si ha poi la sensazione di aver trovato quello più consono. Portoghesi, tra virgolette , sono intesi coloro che non pagano( noi liguri usiamo così) od abitanti del Portogallo? La seconda che ho detto ..io spero! Buon pranzo, caro amico...