venerdì 29 luglio 2011

Patti Smith: Dream of Life

Quando dico rock’n'roll non voglio dire un gruppo che suona canzoni, dico di un’intera comunità che passa per il suono, il ritmo e lo scambio di energia. Una sorta di sentire comune. Il senso di essere insieme in qualcosa di unico. Non è una merdata hippie. Non mi interessa un mondo dove tutti cantino la la la la, ma credo che esista un futuro là dove tutti cominceremo a comunicare. Patti Smith

Grazie a Fuori Orario (trilogia notturna intitolata "immagini rotolano" con Shine a light di Scorsese, Year of the horse di Jarmush) finalmente sono riuscito a vedere Dream of Life: undici anni di vita pubblica e privata di Patti Smith raccontata attraverso immagini, parole e spezzoni di concerti dal fotografo Steven Sebring con il documentario presentato al festival di Berlino del 2008. Non un film di facile visione, fatto di immagini sgranate e in bianco e nero, suggestioni e frammenti. Non so se volutamente disorganico, ma con momenti intensi di rabbia (l'invettiva contro G. Bush); dolcezza (il rapporto coi figli); di arte, musica e poesia.



"Il mondo è cambiato, la musica può ancora ispirare, ma c'è bisogno dell'azione della gente, delle marce, delle contestazioni, dei boicottaggi, del voto". 

Patti Smith, conferenza stampa per la presentazione del film a Berlino.

4 commenti:

  1. molto bello..dice cose stupende..

    RispondiElimina
  2. Dream of life è un film che parla di musica attraverso la poesia delle immagini e delle parole.Per nulla celebrativo e molto sincero.Patti è una delle poche rockstar in circolazione che ha ancora qualcosa da dire.

    RispondiElimina
  3. @ Blackswan:
    ... qualcosa da dire al di fuori della retorica rockstar stile Bono.

    RispondiElimina
  4. Incredibile,ma avevo in mente proprio Bono quando pensavo al contrario della retorica del nulla da dire...

    RispondiElimina

Welcome