giovedì 8 ottobre 2009

L.P. Cover Art: Santana - Abraxas 1970

L'opera originale

Dopo la performance di Woodstock, Carlos Santana era diventato uno dei musicisti più famosi e non solo in America. Per l'uscita del nuovo album si recò nello studio del pittore di origine tedesca Mati Klarwein (1932-2002) per chiedergli l'autorizzazione ad utilizzare un suo dipinto che aveva visto in una rivista e di cui si era infatuato. L'opera del 1961 è un'annunciazione psichedelica (nel link la si può ammirare in tutta la sua bellezza). la Madonna nera con il sesso coperto da una colomba, ha le fattezze dell'allora prorompente fidanzata del pittore, originaria della Guadalupa. Santana rimase colpito, oltre che dai colori e dalla commistione fra sensualità e spiritualità, anche dalle congas dell'arcangelo Gabriele tatuato (versione femminile tutta curve) che sta scendendo dal cielo. Le tre danzatrici Wodaabe invece rappresenterebbero i magi, mentre subito sotto di esse si può vedere l'autoritratto del pittore.
Mati Klarwein ha disegnato tante altre copertine musicali come Bitches Brew di Miles Davis, lavorando anche per artisti come Jimi Hendrix (qui il suo ritratto) e Grateful Dead. Di famiglia ebrea fuggita dalla Germania nazista, si trasferì a New York all'inizio degli anni '60. Fu amico di Timothy Leary e sperimentatore di lsd, anche se ha sempre dichiarato di non aver mai avuto bisogno delle droghe come stimolo alla creatività. MatiKlarwein.com


10 commenti:

  1. Ho sempre adorato questa copertina...forse ancora più del suo contenuto!

    RispondiElimina
  2. Ecco perchè le cover di Abraxas e Bitches Brew si somigliavano! :D

    Il ritratto di Hendrix mi fa impazzire *_*

    RispondiElimina
  3. io faccio silvio, la copertina di abraxas interpreta la bindi. 'sei più bella che intelligente!'. lucio, ho reso l'idea? :)

    RispondiElimina
  4. p.s.: tu comunque hai molti meno nei di vespa! :P

    RispondiElimina
  5. Non sapevo una mazza di tutto ciò.
    Faccio molto bene a frequentarti, amigo.

    RispondiElimina
  6. Cè da perdersi in questo dipinto. Yum!

    RispondiElimina

Welcome