giovedì 29 luglio 2010

Regalo di mezza estate

The Suburbs degli Arcade Fire: più l'ascolto e più mi piace. Facciamocene conto, perché di dischi così ne escono pochi in un anno. Sessantaquattro minuti ispirati da gustare un po' alla volta, "senza fretta" (mi sono detto senza riuscirci). Bellissimo anche l'artwork con otto diverse copertine.
Già ordinato su Amazon. A chi li merita, i soldi per la musica vanno dati.

12 commenti:

  1. Fortuna che c'è ancora chi come te, sa che quando qualcosa merita ci si debba concedere il "lusso" di acquistarla. Diritti e doveri di chi ama la musica no?

    P.S.
    Nuova veste grafica o mi sbaglio?

    RispondiElimina
  2. @ Rospo:
    Più che un lusso, un piacere.:-)

    Sì, dopo due anni e molte indecisioni (ho tentato di mantenere una linea di continuità) mi sono fatto allettare dai nuovi modelli blogger.

    RispondiElimina
  3. Invece a me i primi ascolti non mi stanno convincendo granchè...attendo i successivi ascolti, soprattutto durante le vacanze...dovrei avre un po' più di tranquillità nell'ascolto.
    un saluto
    Gianni

    RispondiElimina
  4. Particolari e pieni di personalità. Bella scelta ;)

    RispondiElimina
  5. ed io vago per i blog dei conoscenti che fanno post sugli ARCADE FIRE a sperticarmi in lodi a loro e a chi ne scrive!

    RispondiElimina
  6. assolutamente d'accordo. grazie a questo disco sono passato dall'essere un loro ascoltatore occasionale a un loro fan!

    RispondiElimina
  7. Invece se li avessi scoperti con questo album probabilmente non me ne sarei innamorata come invece mi è accaduto. E' stato Neon Bible a farmi apprezzare e rivalutare Funeral, che mi colpì ma al contempo mi lasciò perplessa...

    The Suburbs è più sornione rispetto ai due precedenti, che definirei candidamente epici ;) Però di carne al fuoco ce n'è, la sostanza non manca. Solo richiede più tempo per essere metabolizzata e apprezzata :)

    RispondiElimina
  8. @ Sigur Ros
    Pensa che a me è successo esattamente il contrario.
    Devo confessare che Neon Bible non mi aveva mai conquistato. Da oggi lo riascolterò con un altro approccio.
    Misteriose sono le vie della musica. :-)

    RispondiElimina
  9. Ho ordinato l'edizione digitale, mi arriverà domani via mail. Ho letto opinioni contrastanti riguardo a questo disco, ma del tuo giudizio mi fido, e mi conforta molto!!!

    RispondiElimina
  10. Grazie per la segnalazione, è molto bello.
    :)

    RispondiElimina
  11. countryfeedback.splinder.com6 agosto 2010 15:48

    Mai strappato i capelli per gli AF, nonostante l'indubbia altissima caratura della loro proposta.
    The Suburbs è bello ma, come i precedenti, non mi esalta.
    Restano cmq una delle realtà più interessanti e stimolanti del panorama contemporaneo.
    Stanotte ho seguito in streaming una parte del loro concerto al Madison: dal vivo lasciano davvero il segno.

    RispondiElimina
  12. Fra poche ore parto per un tour Toscana-Lazio, ed assieme alla mia dolce metà il compagno ideale non può che essere questo disco. Sta girando ininterrottamente da mercoledì, e ad ogni ascolto trovo qualcosa che prima mi ero sfuggito. "Suburban war" è già tra le mie canzoni dell'anno.

    RispondiElimina

Welcome