giovedì 26 maggio 2011

Simple Minds - Love Song

Da veri intransigenti cresciuti con le radio libere alternative, il progressive ed i cantautori a vent'anni detestavamo le discoteche, la loro musica e soprattutto la gente che le frequentava. Poi, da oltremanica ed oltreoceano, cominciarono ad arrivare nuovi ritmi ballabili grazie a gruppi come Talking Heads, Devo, New Order, Medium Medium, The The, Depeche Mode e via dicendo. Fu così che iniziò il clamoroso successo delle serate new wave organizzate da una discoteca di Imola: il Verde Luna. Nel giro di pochi mesi di venerdì divenne una meta obbligatoria, sia con la neve che con le muraglie di nebbia della val padana. Una delle hit era proprio questo singolo, tratto dal quarto album dei Simple Minds (Sons and Fascination, prodotto da Steve Hillage), l'anno prima del botto commerciale di New Gold Dream.

16 commenti:

  1. adoravo questo pezzo..poi dire deludenti è poco,ma questo era notevole..noi andavamo al linus a forlimpopoli,dal 1980..credo sia stato davero il primo locale new wave in assoluto..pezzo iniziale sempre lo stesso..peter gordon and the love of life orchestra..serate favolose..

    RispondiElimina
  2. L'ho scritto e l'ho detto sempre e ovunque. I primi dischi dei Minds sono clamorosi e rappresentano una delle vette del periodo. Se penso alla "presunta" rivalità con gli U2 mi vien da ridere. I Minds erano sulla luna a gli irlandesi a Sgurgola Marsicana...

    RispondiElimina
  3. Quanti meravigliosi ricordi, mon ami...

    RispondiElimina
  4. @ Brazz:
    Poi arrivarono l'Aleph e lo Slego (dove ho anche suonato).

    @ DiamondDog:
    Sai che conosco poco i loro primi tre dischi? Comincerò il ripasso estivo da "Empire and Dance".

    @ Zio Scriba:
    Poche cose stimolano i ricordi come la musica.

    RispondiElimina
  5. empire and fdance è sicuramente il loro album migliore,a mio avviso..li ho visti a bologna al palazzo nell'84..scadenti dal vivo,piuttosto scadenti..insopportabile kerr con le sue mossettine..aleph e slego vennero dopo..una domada..sto cercando di ricordare da "secoli" come si chiamava quel locale a Medicina,vicino Bolgna,che poi bruciò a metà anni 80..era una discoteca,e ci vidi nientemeno che JAMES CHANCE con i contortions..concerto strepitoso..45 minuti di energia a livelli mai visti..dimmi che ti ricordi ti prego..eh

    RispondiElimina
  6. ah potrebbe sa la madonna..dio invecchiare che brutto eh..comunque il concerto fu favoloso...mi pare 1981

    RispondiElimina
  7. Comunque immensi

    RispondiElimina
  8. Ah, dimenticavo che, da vero ecumenico intransigente,cresciuto con le radio libere alternative, il progressive ed i cantautori a vent'anni amavo le discoteche, la loro musica...e mi ritrovo 30 anni dopo che amo allo stesso modo Yes- ELP-Simple Minds-Talking Heads, Chic...posso sutoconvincermi che sono uno splendido 53 enne?!?:)

    RispondiElimina
  9. non so,come fai a mettere elp yes e talking heads nella stessa frase?non son polemico,ma io non ci riuscirei davvero...

    RispondiElimina
  10. L'ho detto che song' ecumenico!:)

    RispondiElimina
  11. Fino a qui furono la perfetta intersezione tra Gabriel, il kraut meno intransigente e la new wave comunemente intesa. Spaziali. Poi arrivò la glicemia e un coma diabetico imbarazzante.

    RispondiElimina
  12. Mi piace la teoria di DD: i Simple Minds, cioè un gruppo che per avere successo ha dovuto incidere (controvoglia) un pezzo non suo, per poi diventare una versione bolsa degli U2, erano meglio degli U2?
    A meno che il fatto di essere sulla luna (magari dalla parte oscura?) non fosse una sottile presa per il culo... :)

    RispondiElimina
  13. anche per me sons and fascination è il migliore. e quando uscì new gold dream eravamo a storcere il naso in pubblico, per poi ballarcelo in camera da soli, no?!?
    ciao!!!

    RispondiElimina
  14. Empires and dances + sons and fascination a mio paredre sono i migliori. Comunque per quanto riguarda l i locali il primo in assoluto fu lo Small di pieve di cento con red ronnie a dirigere le danze.

    Gianf

    RispondiElimina
  15. @ Gianf:
    Sono stato anche lì un paio di volte.

    RispondiElimina

Welcome