lunedì 11 gennaio 2016

Tre ricordi di Bowie

I post che ho dedicato ad alcune copertine dei suoi album 



Sound+Vision Tour
settembre 1990











All'inizio degli anni '80, durante il servizio militare a San Giorgio a Cremano, quando ero di guardia (oltre a bere diverse razioni di cordiale) per far passare il tempo cantavo canzoni a rotazione: Ashes to Ashes c'era sempre perché conoscevo il testo a memoria.

Come ha scritto il filosofo Simon Critchley There is a world of people for whom Bowie was the being who permitted a powerful emotional connection and freed them to become some other kind of self, something freed, more queer, more honest, more open, and more exciting."
In sostanza, oltre ai meriti artistici e musicali, Bowie ha avuto anche quello di mostrare alla gente la possibilità di vivere una vita meno ordinaria.

13 commenti:

  1. come ho già scritto oggi , grazie a David siamo stati eroi per più di un giorno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bello risentirti, anche se in una circostanza di certo non allegra.
      Ti seguo su twitter

      Elimina
  2. Giusto quello che dici.Un'altra bella cosa è che non ha avuto mai paura di cambiare e la sua musica è cambiata con lui..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anticipare le tendenze, se non a volte dettarle è una dote di pochi...

      Elimina
  3. "E' morto Bowie"
    "Embè? Sai quanta gente muore tutti i giorni?"
    "Si, ma lui era David Bowie"
    "E io sono Ermenegildo Buzzecchia"
    "Forse non ce l'hai presente: il cantante"
    "Ascolta, io faccio il muratore dalle 7 della mattina; di tutte le mattine. Beato lui che era un cantante"
    "Quello che cantava Heroes"
    "Quello che cantava Heroes? Cazzo, nooooooooooo. Ma quando??? E' la mia canzone preferita. La canticchio sempre alla betoniera. Che brutta notizia che mi hai dato. Ma che giornata di merda. E adesso ? Comunque era un pochetto busone"
    Si, va beh. Ciao"

    Ciao David, un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bellissima! :)
      Ricambio l'abbraccio

      Elimina
  4. Per quanto più giovane, anche io ho un sacco di ricordi legati a Bowie.
    E ho ancora negli occhi la magia di quel concerto splendido che fece a Lucca, in piazza, per il tour di Heathen.
    Indimenticabile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto ieri sera su Sky Arte il documentario della BBC "Five years". Indimenticabile, veramente.

      Elimina
  5. Bel ricordo, pure il video era particolare e suggestivo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' tratto da un film di una decina di anni fa molto bello: C.R.A.Z.Y.

      Elimina
    2. Anch'io ho ricordato come ho ascotato per la prima volta David Bowie, proprio ieri sera con un amico ricordavamo l'influenza sulla musica. Si, una grande rockstar.

      Elimina
  6. Non me ne capacito. Si', lo so, Bowie non è morto, sono solo venuti a riprenderselo, ma ugualmente non me ne faccio una ragione... Major Tom, the stars look very different today... And may God' s love be with you

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che botta! Nuovo album, compleanno e addio...

      Elimina

Welcome