mercoledì 22 febbraio 2017

Ciofeche e must see al cinema

Il 2017 al cinema è iniziato alla grande. Per me solo in questi primi due mesi, la qualità di ciò che si è visto ha già superato l'anno scorso. Tre film del livello di La La Land, Arrival e Manchester by the sea io non me li ricordo. L'unico forse Frantz di François Ozon.
A fianco di opere che ti fanno riconciliare con la settima arte, qualche volta ci facciamo ahimé tentare da quelle che il buon Lucio definiva innocenti (in questo caso indecenti) evasioni... Ed ecco che ieri sera, per riequilibrare la bilancia, ci siamo fatti intortare dal penoso e confuso Assassin's Creed, mentre qualche giorno fa da una commedia uscita a fine 2016 che si pensava innocua (e magari in grado di strappare qualche sorriso) intitolata Masterminds - I geni della truffa: una schifezza micidiale con Owen Wilson e Zach Galifianakis al minimo storico.
Un'altra cagata annunciata è molto probabile che sia Beata Ignoranza, ma questa ce la risparmieremo: lo sguardo tra l'imbarazzato e l'ironico di Giallini di fronte a un Fabio Fazio come al solito servilmente entusiasta, era tutto un programma. 
Questo weekend si punta su Jackie di Pablo Larraín di cui, a parte Neruda, ho visto tutti i film e T2.

16 commenti:

  1. Prendo nota.

    Comunque ora mi sto godendo l'ultima fatica dei nostri Julie's Haircut!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortissimi, a me i loro loop rilassano!

      Elimina
  2. sto vedendo film piuttosto datati in realtà ma ho assistito alla visione di Assassin's Creed ed è una vera cagata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace recuperare e riempire buchi con film di quando non c'ero o che mi erano sfuggiti. Negli ultimi due anni mi è rimasto impresso "I Diavoli" di Ken Russell. Ne è uscito uno dei post più lunghi sulla teiera...

      Elimina
    2. io ho appena rivisto "A doppia mandata" di Chabrol. veramente bello.

      Elimina
  3. Ho visto "Jackie", credo ti piacerà, confermando il 2017 al cinema, per te, magico ... io continuo a pensare che lo sia già stato il 2016, ma su questo le nostre opinioni divergono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi è piaciuto nonostante la cupezza: Larrain è un gran regista, fra i migliori della generazione dei quarantenni.

      Elimina
  4. Visti sia La La Land sia Arrival e son effettivamente stupendi. a ciofeche credo che nulla batta l'ultimo Resident Evil

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come sempre i film tratti da videogiochi... vedi Warcraft

      Elimina
  5. Beata Ignoranza dici che è brutto??

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dai trailer e dalla presentazione ne sono convinto: dà l'impressione della fiera del luogo comune. Poi magari grazie a Giallini, non sarà proprio da buttare...

      Elimina
  6. Assassin's Creed e Masterminds davvero pessimi.
    Concordo, invece, sul livello dei migliori, ai quali aggiungo Moonlight.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Film di sicuro impegnativo, ma di cui state scrivendo un gran bene.

      Elimina
  7. A proposito di recuperi: visto finalmente un film da "grandi" con i miei figli al cine: Arrival!

    Esiste quindi uno scambio e confronto fra noi e stavolta è toccato a me e comunque gli è piaciuto, gli è restato! Come del resto Daniel Blacke di Ken Loach.

    RispondiElimina
  8. Sicuramente un inizio 2017 positivo per i film in sala (anche se molti sono usciti nel 2016 ma essendo l'Italia periferia del mondo arrivano solo adesso); mi permetto di aggiungere Moonlight, Fences, Hacksaw Ridge (even if not my cup of tea), Jackie (tutti da preferire in lingua originale) e, visto la scorsa settimana, Gimme Danger su Iggy e gli Stooges (devo assolutamente recuperare alcune meravigliose foto inedite che compaiono nel film).
    Per quanto riguarda Beata ignoranza lascia perdere: sono stato trascinato sabato scorso dopo cena da amici a vedere questo filmetto imbarazzante, soldi e tempo buttato ...
    Ciao
    Gianluca

    RispondiElimina
  9. Gimme Danger non posso perderlo!!
    Quindi su "Beata ignoranza" i miei sospetti era fondati: la faccia di Giallini diceva tutto.

    RispondiElimina

Welcome