giovedì 2 febbraio 2017

Hell or High Water

Qualunque cosa accada oppure A tutti i costi è un film d'altri tempi (inteso positivamente).
Film di rapine e di fuga con Jeff Bridges ancora una volta in un'interpretazione memorabile a supporto di due convincenti protagonisti: Chris Pine e Ben Foster. Storia di sopravvivenza di due fratelli che decidono di sanare i loro debiti a suon di rapine tra le soffocanti praterie del Texas più rurale.
David Mackenzie racconta una frontiera sempre più desolata, dove le banche approfittano della crisi razziando i terreni di agricoltori e allevatori. Una commistione felicemente riuscita tra western moderno, road movie e Buddy film. Il livello è alto. Il tutto impreziosito dalla colonna sonora di Nick Cave e Warren Ellis. Tanto per cambiare, un altro ottimo film senza distribuzione in Italia, nonostante la candidatura all'Oscar. Per ora solo su Netflix.





LEGENDA VOTI
@ una cagata pazzesca
@½ pessimo
@@ trascurabile
@@½ passabile
@@@ buono
@@@½ da vedere
@@@@ da non perdere
@@@@½ cult
@@@@@ capolavoro

17 commenti:

  1. Ne parlerò nei prossimi giorni, ma in linea di massima abbiamo avuto le stesse sensazioni. Per quanto mi riguarda, però, pesa il fatto che non abbia tanto carattere da farsi ricordare nel tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Carattere da farsi ricordare nel tempo" è una cosa grossa. Per quanto mi riguarda ci vuole lo status di cult o capolavoro. Però come ho scritto il livello è alto.

      Elimina
  2. Aveva tutte le caratteristiche per non piacermi e invece...
    l'ho gradito parecchio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Va a finire che al tuo socio/rivale accade il contrario! ;)

      Elimina
  3. Ne ho parlato anche io proprio oggi. Non gli avrei dato due euro e invece mi è piaciuto davvero tantissimo, un bel film duro e crudo ma con tanta anima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Duro e crudo al punto giusto direi!

      Elimina
  4. Peccato per il cinema mi sa che sul grande schermo sarebbe bello, mannagia non ho netflix

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti al cinema con quei paesaggi e quei campi lunghi...

      Elimina
    2. Mammamia i campi lunghi ... perché non lo proiettano?!?

      Elimina
  5. Grande film, grande colonna sonora, grande Frontiera.
    Uno dei miei favoriti dello scorso anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' vero!! Ne avevi parlato nel post dei migliori del 2016, poi l'avevo dimenticato.

      Elimina
  6. Sono arrivato al film dopo aver scaricato la colonna sonora all'inizio di settembre dello scorso anno (per me uno dei dischi dell'anno, di qualsiasi anno); qualche settimana dopo ho pescato in rete il film in lingua originale e ne sono rimasto folgorato, anche se alcuni dialoghi sono ostici da comprendere. A dicembre l'ho trovato doppiato, probabilmente la versione che gira su Netflix, e l'ho rivisto. Insomma negli ultimi quattro mesi l'ho già visto quattro volte, la colonna sonora ho perso il conto degli ascolti, una piacevole ossessione.
    P.S.: il trucco di riciclare ai casinò il contante di provenienza illecita è molto diffuso anche tra Lombardia e Svizzera, solo che a farlo sono spesso industrialotti senza debiti.
    Ciao
    Gianluca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, ho la mia teoria su Cave e Ellis... funzionano meglio le colonne sonore...

      Elimina
    2. Sicuramente NC e WE hanno composto musica di altissimo livello per il cinema (e ultimamente anch'io li preferisco in questo contesto); per chi fosse a digiuno e volesse iniziare consiglio il doppio White Lunar, una ampia selezione di brani da diverse colonne sonore.
      Ciao
      Gianluca

      Elimina
    3. Lo voglio rivedere anch'io, stavolta in lingua originale. Troppo bello!

      Elimina
    4. @ Gianluca si White Lunar molto bello e suggestivo ne parlai qui e si può scaricare la fanzine

      http://www.sullamaca.it/musica/nick-cave-e-warren-ellis-white-lunar/

      Elimina
    5. Grazie per la segnalazione
      Ciao
      Gianluca

      Elimina

Welcome