giovedì 24 giugno 2010

Mister Arroganza e i suoi fantasmi

vignetta da direttanews.it
Mi è uscito di getto; è il primo e l'unico post che scriverò sui mondiali in Sudafrica.
La storia calcistica non ha insegnato nulla. Nel 1986 Bearzot fu grato al gruppo che quattro anni prima aveva vinto i mondiali in Spagna, ma una squadra stanca e senza qualità non andò oltre gli ottavi di finale, con la differenza che il burbero allenatore friulano era dieci volte più simpatico di Cippo Lippi.
E così si è consumata l'eliminazione della nostra nazionale (arrivata addiritura ultima nel suo girone) guidata da un uomo presuntuoso, arrogante e forse appagato. I segnali di un imminente naufragio erano stati molteplici, ma il nostro condottiero ha continuato per mesi a dare risposte piccate, indispettendosi nei confronti di chiunque osasse mettere in dubbio la bontà del suo santo uffizio.
Se si decide di lasciare a casa senza validi motivi gli unici tre giocatori italiani (Balotelli, Cassano, Miccoli) in grado di saltare l'uomo e fare un po' di differenza a discapito di gente bollita e modesti pedatori (clamoroso il liscio finale di Pepe) non ci si può meravigliare di questa eliminazione umiliante. Sarebbe stata comunque inevitabile? Non lo sapremo mai; magari perdere agli ottavi dall'Olanda sarebbe stato più dignitoso, ma è stato giusto così.
Un'ultima considerazione. Oltre alla determinazione e allo spirito di squadra: ma che culo abbiamo avuto nel 2006?

15 commenti:

  1. la vera rottura sarà dover sopportare i discorsi a nastro autarchico-fascisti sui troppi stranieri...
    nel 2006 non c'erano, gli stranieri?
    certo che se lasci a casa Cassano perché ti sta sul cazzo, Miccoli perché stava sul cazzo a moggi, Balotelli perché è dell'Inter, per valorizzare il neogobbo Pepe, o se all'ottimo Chiellini non affianchi Bonucci (o Gastaldello, o Biava o Bocchetti o Gamberini o Siviglia... insomma un calciatore IN ATTIVITA') invece del bisnonno kannavaro per il laido interesse degli sponsor... se tieni fin quasi alla fine in panchina l'ottimo Maggio per far giocare l'impresentabile (e anche lui di area gobba) criscito...
    la vera bella notizia è che le vuvuzelas vendute saranno molte, ma molte, ma molte meno di quanto si sarebbe rischiato in caso di bis mondiale azzurro... Hamsik e soci ci hanno soprattutto salvato i timpani. e i coglioni.

    RispondiElimina
  2. miccoli è rotto! e basta con 'sto moggi sempre dappertutto!!!! :)

    RispondiElimina
  3. e poi perchè l'italia del calcio dovrebbe essere migliore del paese che rappresenta? spiegatemelo..

    RispondiElimina
  4. no scusa lucien è che la risposta di zio scriba, m'ha fatto girare un po le balle! :) capisco che l'antijuventinità è un pò come l'anticomunismo, si perpetua cioè anche dopo l'estinzione e la morte del diabolico e pernicioso regime, ma francamente a me dopo un po stufa! :) comunque, ripeto, perchè mai l'italia del calcio dovrebbe essere l'opposto del paese di cui è espressione. scusatemi ma questo non è il paese dove ai giovani vengono tarpate le ali, dove si esultà al minimo cenno di galleggiamento durante un naufragio certo, dove si è paralizzati dalla paure perlopiù inesistenti e dove tutti aspettano il salvatore della patria (che si chiami antonio da bari o silvio da arcore non è importante) a risolvere i propri guai? è perchè se non è questa l'italia, ditemelo che allora sono io ad essere pazzo! :)

    RispondiElimina
  5. @ Antony:
    E' così è così. Infatti come ho scritto alla fine: è stato più che giusto al di là di tutto.

    @ Zio Scriba:
    Fra le varie minchiate aggiungerei quella di aver tenuto Quagliarella, l'unico attaccante dimostratosi lucido e in forma, come ultima scelta. (Due gol in un mezzo tempo.)

    RispondiElimina
  6. Con un po' di onestà intellettuale non possiamo dire che non c'era da aspettarselo.
    Cronaca di una morte annunciata!

    RispondiElimina
  7. * birdantony
    Perfettamente d'accordo con te sul fatto che la nazionale rappresenta un paese senza futuro, senza meritocrazia e senza intelligenza. E infatti io neanche tifavo italia, e non certo per leghismo (che disprezzo, oggi più che mai)
    Chi mi conosce sa che ho la tendenza a esagerare, senza prendermi troppo sul serio. Però, Miccoli sarà anche rotto (e in ogni caso un singolo avrebbe cambiato poco o nulla) ma se sei onesto devi ammettere che anche un Miccoli in piena forma e capocannoniere con 50 gol la porta di lippi l'avrebbe trovata chiusa, per via di porcherie che gli combinarono certi signori qualche anno fa. Se poi quei signori all'epoca stavano a Torino, non è mica colpa mia.
    Io poi sono antijuventino dichiarato, ma non mi pare poi così tanto antijuventino, scusa, dire che accanto all'Ottimo Chiellini (della juve,, mi pare) doveva giocare Bonucci (juventino quasi certo) e non kannavaro, prossimo a trasferirsi presso gli arabi, sempre che gli arabi non facciano in tempo ad accorgersi della cazzata.
    Se te le ho fatte girare, comunque, mi dispiace davvero.
    Ciao.

    RispondiElimina
  8. E' stato giusto così... Barlumi di lucidità nella conferenza stampa finale dove un minimo se l'è cavata Lippi di sta cippa... Quagliarella out per 3 partite è stato un mezzo delitto. Speriamo che il prossimo c.t. non faccia errori di questo tipo.

    RispondiElimina
  9. @zio scriba: nessun problema, dai ;) si fa tanto per parlare!!! :)

    RispondiElimina
  10. analisi giusta, Lucien...era tutto prevedibile tranne che x il sig. Lippi e quelli al di sopra di lui che gli hanno dato fiducia...gli errori erano sotto gli occhi di tutti...poi alla fine, sempre il sig. Lippi, ha dimostrato che non sa perdere (mi vengono ancora i brividi pensando al suo periodo interista e come se ne è uscito) lasciando subito il campo senza dignitosamente salutare gli avversari che avevano comunque meritato il successo...robaccia

    RispondiElimina
  11. Condivido il post e i vari commenti: senza voler dare troppa importanza al calcio, direi che questa Italia è la perfetta metafora del cosidetto Paese. Buonanotte a tutti.

    RispondiElimina
  12. in ogni caso Berlusconi porta sfiga.
    Alla Nazionale in particolare.
    Al paese ha portato invece pestilenze, tsunami, la Lega e i fascisti al governo etc etc.
    E non è ancora finita.
    Il tonfo sarà di quelli indimenticabili. Un po' come Italia-Slovacchia. Ma gli schizzi di letame ce li beccheremo solo noi

    RispondiElimina
  13. concordo totalmente. A sottoscrivo anche Zio Scriba.

    RispondiElimina
  14. Le cose più belle sono state i preparativi in ufficio per poter vedere la partita (siamo nerds, la tennologia è il nostro pane) e il vederla tutti assieme appassionatamente. Partita vergognosa, inguardabile e sofferta, ma condividerla con i colleghi è stato d'aiuto...

    RispondiElimina
  15. Concordo pienamente con Tony-face

    RispondiElimina

Welcome