martedì 26 aprile 2011

Vinyl collage

Visita guidata ai dischi della teiera (in giro per casa e dintorni). Non si poteva che cominciare con la fantastica trilogia Radio Gnome Invisible alla quale si deve il nome di questo blog.
Prima tappa: Gong allo specchio


10 commenti:

  1. LOL, originalissima come idea Lucien!!! :D

    La mia copertina di The Flying Teapot è diversa però...yum O_o

    RispondiElimina
  2. Bello, attendo di proseguire la visita

    RispondiElimina
  3. Ah che pirla, ma sono vinili! Ecco spiegata la differenza ;)

    RispondiElimina
  4. ...perchè prima tappa al bagno?
    :D

    RispondiElimina
  5. Non posso fare finta di niente…debbo intervenire. I Gong navigano nelle acque della memoria dentro cui vado dragando ogni tanto (non solo io, mi sembra di aver capito…) : ascoltavamo un meraviglioso LP in casa di Massimo e Katia, (con i quali, ed insieme ad altri, suonavo musica folk – mediterranea), e molte volte scroccavo la cena, pasta fresca portata via dal negozio dove lavorava Katia, e buonissimo Barbera del loro papà…ridevamo su: Cat Shoes of Clarks…Massimo è un grande musicista, suonava tutto dal sikus al buzuki, al charango, ma stupendamente il flauto traverso. Suonava quei pezzi dopo averli ascoltati una volta.. Quell’album è Shamal (non è fra quelli nel tuo collage). Chissà se lo conosci, secondo me è grande!
    Se poi mi dai il permesso, pubblico il tuo collage che mi piace molto, su Cassetti Confusi…
    Gong - Shamal:
    http://www.divshare.com/playlist/860358-10f

    RispondiElimina
  6. @ SigurRos:
    Infatti! L'edizione su CD ce l'ho anch'io e ha un disegno diverso.

    @ Enrico:
    I dischi non mancano!

    @ Stefania:
    Ispirazione dell'artista... :D

    RispondiElimina
  7. @ mr.Hyde:
    "Suonava quei pezzi dopo averli ascoltati una volta..."
    E' un grande veramente!
    Dei Gong conosco quasi tutto, ma Shamal l'ho ascoltato poche volte e mi hai fatto venir voglia di risentirlo.
    Li ho anche visti dal vivo ad Amsterdam, però era la formazione successiva al periodo della trilogia, guidata da Pierre Moerlen.
    Vai col collage.

    RispondiElimina
  8. ...ovviamente le parti con il flauto traverso.
    Mandrake, è la mia preferita, anche Cat Shoes..etc.
    Con le idee di un pezzo di allora, ora si ferebbero due tre album..

    RispondiElimina
  9. bella idea. quasi quasi ti imito (senza competizione, sia chiaro)

    RispondiElimina
  10. il mio pref è il primo camamber eletrique ,comprato alla bancarella 10 euro!

    RispondiElimina

Welcome