lunedì 9 gennaio 2012

Honey Devash: ninna nanna per grandi


Quando mi capita (per fortuna raramente) di svegliarmi e non riuscire a riprendere sonno, di solito ricorro alla musica. Sabato notte mai scelta fu più azzeccata: per 38 minuti mi sono fatto cullare viaggiando con Honey Devash, disco di un duo americano formato (per me) da sconosciuti: Gregg Kowalsky e Marielle Jakobsons; si fanno chiamare Date Palms. Di giorno non ero mai riuscito ad ascoltarlo per intero; è un disco d'altri, tempi formato da due soli brani: uno sul lato A e l'altro sul lato B. Un viaggio immersivo; un'esperienza metafisica, legata alle oscillazioni degli apparati elettronici e acustici, che alla lunga danno davvero l'impressione che anche l'aria dell'ambiente nel quale ci si trova subisca quelle rarefazioni e inflessioni ottiche caratteristiche del miraggio. (ondarock)

7 commenti:

  1. Buona notte

    mediafire.com/?3rlvn9ze955qym9

    RispondiElimina
  2. Sogni d'oro my friend Mr.Hyde. =_=

    RispondiElimina
  3. Ecco, ora mi addorm...zzzzz :)

    N.B. Ipnoticooo!!!

    RispondiElimina
  4. tangerine dream....aggiornati.

    RispondiElimina
  5. Molto ma molto Spacemen 3, gruppo davvero interessante.

    RispondiElimina