venerdì 20 febbraio 2009

Amati/odiati anni '80

80' Music videos è un sito dedicato ai videoclip degli anni ottanta. Ce ne sono più di mille elencati in ordine alfabetico in un comodo scroll a lato. L'alba dei videoclips.
C'è veramente di tutto, perfino i misteriosi Residents, qualcuno se li ricorda più? Io ho un loro disco del 1980 intitolato The commercial album che conteneva 40 brani da un minuto esatto, 2o nel lato A e 20 nel lato B. In sincerità l'avrò ascoltato al massimo tre volte però mi piaceva averlo lì. Il merito di questo gruppo, l'identità dei cui componenti rimane tuttora sconosciuta, è sicuramente quello di essere stato anticipatore e apripista per un certo genere di avanguardia new wave: penso ad esempio ai grandi Tuxedomoon.

15 commenti:

  1. Un abbraccio e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  2. sito mitico!
    ...tuxedomoon: concerto annullato per pioggia, circa 1982... residents? si', inascoltabili!

    RispondiElimina
  3. Grandi Tuxedo. In a manner of speaking è una delle più belle canzoni d'amore che conosco. Grazie della madeleine :-)

    RispondiElimina
  4. Vi ricordate i New Christs ?
    Possiedo un loro vinile: Distemper, album del 1989, ascoltato poche volte ma con sonorità potenti e uniche.

    RispondiElimina
  5. devastanti gli anni '80, pur con qualche chicca qua e là.

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Non concordo sulla devastazione musicale degli anni ottanta.
    Anche se in linea di massima vengono ricordati come gli anni degli yuppies, di Reagan e della Thatcher, quelli della musica sintetica e prodotta in serie, dei vari duranduran ecc…ecc…
    Il decennio ha offerto moltissima musica, innumerevoli possibilità, grandi scenari e perfino qualche piccola rivoluzione. Se l’immagine dominante è quella del decennio dell’apparenza, delle droghe veloci, dell’immagine che sostituisce la sostanza, al di sotto di tutto ciò gli ottanta hanno messo in scena una delle piccole grandi rivoluzioni del rock: la rifondazione.
    In realtà gli anni ottanta cominciano nel ’77 con l’esplosione del punk, sappiamo, tutti che punk=rottura. Il punk fece una sorta di tabula rasa nell’intero pianeta, per tutte le arti sensibili agli umori del presente, e per il rock in prima linea, si trattò di una vera frattura col passato.
    Dopo questa rottura e adesso arrivo al punto, molti musicisti e siamo nel post-punk, se vogliamo catalogare questo periodo, si trovano davanti ad un “foglio bianco”, hanno l’impressione e la consapevolezza di dover riscrivere e quindi di dover ripartire da capo.
    E’ in realtà proprio in questo periodo che ripeto viene considerato da molti “superficiale”, che i creativi acquisiscono il fatto che non bisognava più rispondere a modelli e obblighi di ruolo e di pensiero e in altre parole potevano sentirsi “liberi” di rispondere solo a se stessi.
    Ed è grazie anche a questo che sono stati incisi moltissimi ottimi dischi, e anche alcuni capolavori, in un periodo tutto sommato molto breve.
    Non ditemi che questi dischi sono da buttare!

    (da un mio post del 2007)

    RispondiElimina
  8. gli anni Ottanta hanno prodotto tanta roba buona, basti pensare, per dirne una, alla Touch and go (r.i.p.)

    Grandi Tuxedomoon

    RispondiElimina
  9. @ Novalis: Sono completamente d'accordo con te. Infatti il mio post non era per denigrare questo decennio, bensì per segnalare un sito e mettere in evidenza nel titolo il fatto che furono anni di contrasti dove c'è stato di tutto. Non si possono buttare anni che sono stati inaugurati con dischi come REMAIN IN LIGHT - SANDINISTA 8per dirne giusto un paio) e tanti altri che hai ben segnalato nel tuo blog.

    RispondiElimina
  10. Lucien, sui Residents non saprei che dire, non li avevo mai sentiti nominare e ho l'impressione che non avevo perso nulla. I Tuxedomoon erano grandi. Anni difficili gli 80, in certi periodi allora la disperazione per la musica che si trovava fu tanta che per alcuni periodi smisi di comprare rock...però cominciai a buttarmi sul jazz :-)
    Ho ripreso a prendere rock (mantenedo il jazz) a fine anni 80, primi 90.
    Sulla musica degli anni 80 ho quindi parecchie lacune, recuperate solo parzialmente.
    Nessuno è perfetto ;)
    Se hai voglia e tempo passa da qui:
    http://concorsofotograficoblog.blogspot.com/

    ciao, silvano.

    RispondiElimina
  11. anche io ho quell'album dei Residents(e meno male che cheè "Commercial". Gli anni 80 ,come dimenticarli..

    RispondiElimina
  12. Non me li ricordo per niente, ma non penso di essermi persa granchè. :-)

    RispondiElimina
  13. Grandissimi residents che, come i Tuxedomoon, sono ancora in attività, per voi ignoranti che non lo sapete...
    :-)

    RispondiElimina

Welcome