martedì 9 marzo 2010

The Bamboos


Su Alias, il supplemento settimanale del Manifesto, nella rubrica Ultrasuonati si trovano sempre ottime segnalazioni musicali.
Uno dei curatori è Francesco Adinolfi, giornalista ed ex-conduttore del mitico programma radiofonico RAI stereo notte, dal 1982 al 1994 vero e proprio canale dedicato alla musica di qualità che in tanti ascoltavamo. Nell'ultimo numero mi ha incuriosito la recensione del quarto album (intititolato 4 e in uscita il 29 marzo) di questo gruppo australiano: The Bamboos, sette musicisti con tanto di sezione fiati che suonano un soul-funky classico di qualità. Al canto la gran voce di Kylie Auldist e a supporto, come è stata definita su frequenze indipendenti: "una delle migliori orchestre a propulsione funk sulla terra".

8 commenti:

  1. confermo, ascoltato tutto il cd, è veramente bello.

    RispondiElimina
  2. non c'è niente da fare: se (ri)fatte bene le cose del passato sono una delizia per le orecchie... bamboos compreso.

    RispondiElimina
  3. Premetto che ho ascoltato solo il loro ultimo disco...ad ogni modo l'ho trovato scarico e in un certo senso appiattito su una una formula un po' stereotipata. E voglio precisare che io mi *nutro* di queste sonorità...;)

    RispondiElimina
  4. @ S. Ros82:
    Gli altri dischi non li ho sentiti. Questo parte a palla: i primi tre brani strepitosi. Poi segue un solco più classico che stereotipato. Potrebbero osare di più, ma va bene anche così perché suonano da dio.

    RispondiElimina
  5. Se le doti tecniche sono queste è legittimo attendersi qualcosa in più :)
    Poi non conosco la loro carriera, magari sono un gruppo scafatissimo che nel 2010 non ha più nulla da dimostrare...;)

    RispondiElimina
  6. tu e Indierocker conoscete musica per me sconosciuta. :-)

    RispondiElimina
  7. @ Zion:
    Spero che ti piaccia! ;-)

    RispondiElimina

Welcome