venerdì 28 maggio 2010

Strano concetto di amicizia


Una mia collega e sua sorella uscendo dal bar dopo un caffé:
- Sorella (indicando una donna): Quella è una mia amica di feisbuc.
-
Collega: Beh, non la saluti neanche?
-
Sorella: Ma no, è una mia amica di feisbuc!

Premetto che non ho niente contro il social network sopra citato; ho visto come funziona, ne riconosco le potenzialità, ma non ne sono attratto.
Venendo al titolo del post, non saprei che termini usare per definire i bei rapporti che mi legano ai bloggers incontrati in questi due anni: amicizia? Conoscenza? Passioni comuni? Boh!
Sentimenti che comunque non mi indurrebbero ad ignorare una persona nel caso la incontrassi per strada...

36 commenti:

  1. Post inizialmente ideato con il titolo: "Ognuno ha gli amici che si merita" e che alcuni "amici" avevano tentato invano di leggere! :-)

    RispondiElimina
  2. Me compresa ;)

    Le potenzialità dei social networks sono tante, ma continuo a pensare che nella maggior parte dei casi vengano utilizzati nel modo meno costruttivo. Facebook lo trovo utile come potrebbero esserlo gli sms, messenger o la mail, per comunicazioni di massima o qualora le persone siano distanti; oppure, appunto, per condividere le proprie passioni. Ma il discorso che hai fatto nel post, così come quello dell'accettare l'amicizia del cugino del fratello dell'amica del collega (echica22'è???), li trovo di un assurdo allucinante.

    Per quanto riguarda gli amici bloggers...eh, questione difficile da definire. Continuo a pensare che una passione comune, magari ampliata ad altri argomenti di conversazione, possa rappresentare soltanto una base di partenza per la costruzione di un legame, che tuttavia per definirsi veramente tale deve essere a tutti gli effetti approfondito, rimpolpato e (ri)costruito giorno per giorno, faccia a faccia.

    RispondiElimina
  3. Quoto SigurRos82 (complimenti per il nick, adoro i Sigur Ros). Tutti i legami affettivi partono da qualcosa, e condividere pensieri ed opinioni in un blog è un ottimo punto di partenza. Ma per essere amico di una persona devi parlarci, dare e ricevere pacche sulle spalle, berci una birra assieme.

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Ora non tempo per rispondere, solo una cosa.
    Qui ci scappa l'anonimo ;)

    RispondiElimina
  6. un episodio divertente che fa molto 2010

    RispondiElimina
  7. Per strada ReginAnto e ReAnto

    - Oh grullo...te tu hai visto kiscè là? iCCarlo! Non lo saluti neanche?
    - Ma no, ovvììììa iCCarlo è solo un anonimo de iBBlogghe!!!

    (hahahaha scusa Lucien..ma ho immaginato 'sta scena!)

    RispondiElimina
  8. Ovvia Grace,
    te tu voi fà sapè troppo,
    vien via...


    (sai Lucien che io e la Grace abbiamo cenato assieme )

    RispondiElimina
  9. Nel castello: il mostro e ReAnto al tavolo

    - Oh..tegame...te tu hai visto ikkiscè là? La Greis..non la saluti nemmeno?

    - Maremma 'ane...quella fava già mi sta suiCCulo neIbblogghe...vorrai mi'a mi rovini la cena?

    (E' tutto vero,eh...ora muoio davvero hahaha)

    RispondiElimina
  10. è tutto vero!

    "Potessi morì, mi ci gio'o ir pipi"

    ora muoio anche'io
    :D

    RispondiElimina
  11. Fondamentalmente la penso come te, vedo FB più come una vetrina, che non un vero spazio per comunicare.

    RispondiElimina
  12. FB = vetrina di sè, assolutamente d'accordo.

    RispondiElimina
  13. Questa mattina in auto ero con woodstock ,lo conosco da sempre, mi ha chiesto informazioni della bella musica che stavamo ascoltando a manetta come i
    18enni. A me è venuto da rispondere così, me l'ha data il mio amico,tu non lo conosci e dopo gli ho dato delucidazioni.
    Non voglio fare il mistico ,io con molti di voi sento di aver creato un legame, e dopo la"notte" dell'altra sera anche di più ,anzi ,vi dirò spero proprio di incontrarvi un giorno..intanto sono andato a cena con la Grace ..e non è poco

    PS: successone della
    compilation

    RispondiElimina
  14. io ammetto di essere prevenuto contro una cosa che già chiamo Fessobukko, a cui nemmeno mi sogno di subappaltare, anzi, regalare la mia privacy per tutti gli schifosi maneggi che ci fanno sopra, ma a parte questo: credo che la tua storiella sia perfettamente esemplificativa di quanto certi social network rappresentino la svalutazione se non lo sberleffo al sentimento dell'Amicizia e alla parola Amicizia.
    Con tutte le eccezioni del caso, ovviamente: non c'è cosa al mondo che non possa essere usata con intelligenza, e magari fra qualche mese ci finirò dentro pure io (mai stato molto coerente, in queste mie simpatie-antipatie)
    Penso che fra blogger si crei (si possa, a volte, creare) un legame molto più forte, dovuto al fatto di leggere, discutere, confrontare, commentare, tantissime storie ed esperienze che finiscono col divenire comuni non solo in senso virtuale.
    Per farla breve e smetterla di rompere i coglioni: se incontrassi un blogger amico come minimo lo abbraccerei (e se poi succede in spiaggia, ci farei subito una partita a racchettoni...) :-))

    p.s. ma quando me lo creano un bell'ASOCIAL network? :D

    RispondiElimina
  15. @ ReAnto:
    Prima o poi cercherò di replicare, ma sarà dura!

    RispondiElimina
  16. A quando una bella birrozza ?

    RispondiElimina
  17. vai qui.
    http://soundtrack.posterous.com/track010-somebody-else-a-toys-orchestra

    grazie

    RispondiElimina
  18. il breve dialogo che hai riportato è uno specchio dei tempi di un mondo che faccio davvero fatica a riconoscere.Condivido assolutamente il parere di ReAnto,a me piacerebbe molto conoscere di persona gli amici di rete.

    RispondiElimina
  19. beh, come tutte le cose, dipende dall'uso che se ne fa.
    io sono su fb. non lo uso molto, una scappata e via al giorno. lo trovo utile ad esempio per combinare macchinate fra amici per andare in trasferta a vedere il toro. oppure (e non è poco) mi ha fatto rimettere in contatto con persone (per alcuni potrei usare il termine di amici) che, per colpa della vita che ci allontana. giorno dopo giorno, anno dopo anno, si aveva perso di vista e mi ha fatto molto molto piacere rivedere (in alcuni casi di persona - in altri casi, causa distanze elevate, anche solo per mail)

    RispondiElimina
  20. A me i social networks sono serviti moltissimo per superare la mia naturale timidezza e conoscere gente nuova, prima con MySpace, poi il blog e poi Facebook. Il mio blog ne risente, ma forse sono io che non ho le capacità per mantenere un diario quotidiano. Non voglio fare contrapposizioni tra Blogger e Facebook, si usano in modo diverso, sul blog i commenti sono più articolati e su Fb molto più sintetici, ma credo che alla fine l'importante sia la circolazione di idee, musica, spunti e quant'altro. Qui uso il mio nome vero, mentre su Facebook ho uno pseudonimo (un pò il contrario della norma, basta leggere i commenti soprastanti, solo un altro usa il suo vero nome). Recentemente ho conosciuto una persona, si parlava di Facebook e ad un certo punto mi fa: ma chi è questo (mio pseudonimo)? Gli ho detto "sono io" e questo è impazzito, non poteva crederci. E comunque è bello quando si incontra gente che finora hai visto solo sul web. Però cari bloggers dovreste scoprirvi un pò di più. Ad esempio Lucien, io non ho ancora capito di che città sei...

    RispondiElimina
  21. Ci sei cascato eh?
    ReAnto :D

    RispondiElimina
  22. @reanto: mi sa che l'anno (calcisticamente parlando) prossimo (ma spero di no, a dire il vero) potrei passare dalle tue parti proprio per vedere il toro.
    se così fosse, non sarebbe male bersi (almeno) una birra insieme.

    RispondiElimina
  23. Quando? Un Mohito preferisco ;D

    RispondiElimina
  24. prima bisogna aspettare il 12/6 per vedere se il toro l'anno prox sarà in serie a oppure b. poi (nel malaugurato caso, per la data esatta bisogna attendere fine agosto per i calendari). tempo al tempo. :)
    vada per il mohito. buonissimo!

    RispondiElimina
  25. Scusate il delay: sono appena tornato dal cinema.

    @ Zio Scriba:
    Sempre aperta l'idea della partitella in spiaggia. :-))

    @ ReAnto:
    Grazie a te. :-)) Spendida canzone, è bello tutto quel disco (Midnight talk)
    In Italia i Toys Orchestra meriterebbero maggior successo e visibilità.

    @ Andrea:
    Pensavo lo sapessi: Ravenna!

    RispondiElimina
  26. hi.. just dropping by here... have a nice day! http://kantahanan.blogspot.com/

    RispondiElimina
  27. Troppi commenti...rispenderei a tutti, ma questo è il tuo blog ... quello che penso è che l'amicizia è una questione di testa, quindi la birra o la partita di calcetto o altro vanno bene, ma l'amicizia c'è anche con chi non frequenti fisicamente, ma solo sul web (Avatar insegna, tu che l'hai visto e apprezzato puoi capire). Grande disco "Midnight Talk", pessima cosa FB.

    RispondiElimina
  28. la cosa più importante di questo post: la domanda su chi definire "amico". io sono all'antica. amico è chi sta con me da anni. gli altri sono simpatie. ho una lentissima metabolizzazione emotiva, quindi già tenere il blog con l'idea che chiunque ti possa copiare o non leggere con lo spirito che volevo io un post quando ci penso mi fa drizzare i peli sulla nuca. facebook, twitter and company mi terrorizzano. dico davvero.

    vabè, caffè. ora.

    :) love, mod

    RispondiElimina
  29. @ Alligatore: l'amicizia ci può essere con chi non si frequenta fisicamente, certo, come ogni altro sentimento. Ma con chi non si è mai conosciuto e frequentato? Con chi non si è mai parlato faccia a faccia, condiviso giornate, menate, risate, pallosi viaggi in treno? Uhm, non è solo una questione 'di testa'...

    RispondiElimina
  30. La cosa chew più mi terrorizza è quando incontro qualcuno ai concerti o in giro e mi dice

    -"ciao sono LoveLennon o StrummerPunk o UltraMinchia. Sono tuo amico su FaceBook"

    "ah ciao"

    - "ciao, mi faceva piacere conoscerti"

    "il piacere è mio"

    - "bè ciao, ci risentiamo su Facebook"

    "ok"

    RispondiElimina
  31. beh, amici su facebook non è altro che essere dei numeri fra tanti...

    RispondiElimina
  32. @SigurRoss82
    Con chi non si è mai conosciuto e frequentato no, sicuramente, ma la frequentazione non deve essere per forza fisica, può anche avvenire tramite lettera (un tempo) mail e socialnetwork oggi. Sulla base della mia esperienza ti dico di sì, non serve il contatto fisico per essere amici (ma anche certe mail possono essere molto fisiche). Avatar, rileggiamo Avatar, un film che dice molto sulla realtà virtuale e su chi siamo noi oggi...
    p.s. una delle mie migliori amiche l'ho vista 2 volte (dopo un sacco di mail e altro).

    RispondiElimina

Welcome