mercoledì 19 maggio 2010

Gli amori folli (Les herbes folles)

Due diverse locandine per lo stesso film di Alain Resnais. Quella più in sintonia con la storia in realtà è quella di destra (quella italiana è puro makeup).
Era da un po' che non mi capitava di vedere spettatori che lasciano la sala prima della fine della proiezione; fra l'altro una sala d'Essai, perciò si suppone frequentata da persone con ore di volo alle spalle e abituate alle pellicole più ostiche.
Sto prendendo tempo perché non riesco a trovare le parole giuste per definire il film dell'ottantottenne regista francese. Spiazzante, cerebrale, surreale? Inutile raccontare una trama che è solo un pretesto per condurci altrove, dove portano le erbe folli. Un film osannato da quasi tutta la critica (ma siete sicuri?). Fra le pochi voci fuori dal coro quella di Mereghetti che condivido pienamente: "... se il gusto un po’ surreale e iconoclasta di «distruggere» la realtà come la conosciamo ci prende la mano (e qui il sospetto fa capolino più di una volta), se le domande si moltiplicano (quasi) all’infinito e le risposte non arrivano mai, allora il rischio è quello di sentirci di fronte a un’intelligenza di cui sfuggono le ragioni. E il piacere lascia il campo a un sentimento di rispettosa estraneità."
Parafrasando:
Sono stato il teorico della Nouvelle Vague, regista di Hiroshima mon amour e ho due palle così; però non ho voglia di raccontare niente, ma solo inebriarvi con la complessità del mio metacinema scardinando ogni meccanismo causa-effetto.
Coraggioso, non privo di fascino, ma inestricabile.
Voto
@@½ (legenda nella barra a destra)

13 commenti:

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

quindi non mi sembra ti sia piaciuto un granché..
dalla solita locandina italiana sembra una commedia romantica alla love actually, ma immagino non sia assolutamente così

Lucien ha detto...

Hanno cercato di rendere attraente il film con una locandina che fa passare quel messaggio. No, non mi è piaciuto: alla lunga il gioco surreale stanca, malgrado qualche lampo.

rebirth010 ha detto...

a me è piaciuto e ne ho scritto pure un post

forse perchè ho vissuto un'esperienza simile, ma senza il finale (forse) tragico...

non è surreale, è un gioco seduttivo folle ma possibilissimo, credetemi...

robydick ha detto...

abbastanza stroncato direi! :)
ma lo guarderò cmq, ho venerazione per questo regista e la curiosità è troppo forte...

Lucien ha detto...

@ robydick:
Più che stroncarlo, diciamo che ho voluto metterne in risalto alcuni aspetti veramente ostici che superano i lati artistici, che vista la caratura del regista non mancano.

@ Rebirth:
Benvenuta.
Finale tragico? Chissà chi lo sa.
I finali sono due, forse anche tre!

Zio Scriba ha detto...

in attesa di vedere il film, mi limito a commentare la solita patetica operazioncina Lobotom-italiota: da erbe folli ad amori folli. Complimenti.

Harmonica ha detto...

mettiamoci pure che ci siamo disabituati a vedere certe cose, chissà..

Euterpe ha detto...

Caspita però con una recensione così è come spingermi dentro la sala.Sono super curioso di vederlo, anche se poi magari m'incazzo perchè non mi piace.

Alligatore ha detto...

Io l'ho visto, nessuno è uscito dalla sala, ma accanto a me una coppia ogni tanto rideva per la comicità involontaria, e meditava di andarsene, ma ha resistito fino alla fine. Condivido pienamente il tuo "Coraggioso, non privo di fascino, ma inestricabile." e anche la preferenza della locandina originale. Tieni conto che l'ho visto subito dopo "Cosa voglio di più", uno dietro l'altro. Pensa che strano (uscito da una sala e imbucato subito in un altra, manco un minuto di tregua) a vedere questo onirico Resnaisiano.
p.s.
condivido il commento di Harmonica, anzi, lo quoto, e il finale forse non è poi così tragico.

Lucien ha detto...

@ Alligatore:
A me in alcuni passaggi ha ricordato certe pellicole di Bunuel, senza però il fascino geniale e corrosivo del regista spagnolo.
Però, che full immersion!

Maurizio Pratelli ha detto...

la locandina e il titolo originale erano belli....

Alligatore ha detto...

Bunuel? A me ha ricordato Alain Resnais... è un film Novelle Vague, fatto oggi, e così dobbiamo prenderlo.Finalmente hai visto "Cosa voglio di più" e ti è pure piaciuto.

Lucien ha detto...

@ Alligatore:
Sì, mi è piaciuto "Cosa voglio di più" e condivido ciò che hai scritto.

Riguardo Resnais: la Nouvelle Vague ha influenzato il cinema degli anni '60 e '70 e non solo, però nel 2010...