venerdì 26 febbraio 2010

Anno Zero: Mauro Pagani e l'inquisitore Giovanardi

Il nostro "stupefacente" Giovanardi, già noto per la sensibilità di alcune sue recenti dichiarazioni (Stefano Cucchi è morto perché anoressico, drogato e sieropositivo) è tornato a sentenziare, questa volta contro Anno Zero, colpevole ieri sera di aver mandato in onda un inno alla droga. Premetto che mi sono perso qualche passaggio, avendo fatto zapping finché giocava Siena, impegnata in Eurolega, ma non ho avuto assolutamente questa impressione. Quest'uomo, già in diverse occasioni, mi è parso di un'ottusità avvilente! Ogni volta che lo vedo e lo sento parlare lo associo istintivamente ad un inquisitore medioevale, tipo Bernardo Gui ne Il nome della rosa.
Un uomo invece che ieri sera ho particolarmente apprezzato è stato Mauro Pagani. Ha parlato pochissimo ma in un intervento di cinque minuti, con lucidità e coerenza ha messo a fuoco problemi basilari legati al mondo giovanile e al valore e l'importanza della musica (la nostra seconda lingua) nell'educazione. Poi va beh, c'era Morgan con i soliti discorsi e quando parlava ne approfittavo per andare vedere la sfida di basket tra Siena e Real Madrid.

12 commenti:

  1. La differenza con Bernardo Gui è che anche quest'ultimo era uno squallido porco inquisitore, ma almeno il cervello non lo teneva nell'ano...

    RispondiElimina
  2. ...zio, almeno il cervello lo teneva allenato.

    luc, ho visto su youtube....menomale che marco è rimasto. menomale.

    love, mod

    p.s. pagani e venditti (a NON dire è stato bravissimo) :)

    RispondiElimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Quell'essere mi fa ribrezzo !

    RispondiElimina
  5. Ho visto pure io distrattamente la trasmissione e sentendo quel tale ho pensato: ma perchè ragiona in quel modo? Che discorsi fa? Cosa prende per dirle così e con quel faccione? Deve essere robba bbbuona.

    RispondiElimina
  6. Io non ho visto la trasmissione, quindi mi son perso Mauro Pagani e mi dispiace. Giovanardi non so, non ce lo vedo come inquisitore, non ha il fisico. Certo che è un continuo straparlare, e sì, forse ci crede nelle cazzate che spara.

    RispondiElimina
  7. Anche io l'avevo persa, non ho perso invece le parole di Giovanardi, lui l pari di Capezzone e Gasparri, ha sempre qualcosa da dire anche se in effetti, non avrebbe un cacchio da dire su nulla.

    RispondiElimina
  8. @ Alberto:
    L'inquisitore non fa il lavoro sporco, lo fa fare agli altri. Sostanzialmente è un codardo capace solo di condannare o emettere sentenze.

    RispondiElimina
  9. Quando vedi facce come quelle di Giovanardi o Brunetta sentenziare in tv sui giovani, sul lavoro e sulla famiglia, loro sì fanno venire una gran voglia di evadere la realtà con qualsiasi tipo di sostanza.
    Purtroppo persone di valore come Mauro Pagani (bellissimo intervento)si dedicano ad altro.

    Lillo

    RispondiElimina
  10. una puntata ottima, anche morgan ha detto cose molto interessanti

    per giovanardi qualunque trasmissione sulla droga che non ripete per due ore di fila "la droga fa male. non prendetela!" è un inno alla droga.

    per me ogni sua parola è un inno al "meglio tacere che aprire bocca per dire solo cazzate"

    RispondiElimina
  11. Giovanardi mi fa sempre venire in mente un passaggio di Sciascia: E infine ci sono i quaquaraquà: che dovrebbero vivere con le anatre nelle pozzanghere, ché la loro vita non ha più senso e più espressione di quella delle anatre.
    Penso a quello che è stato capace di dire sull'omicidio di Stefano Cucchi. O al contrario al suo silenzio nella vicenda dell'anonimo parlamentare risultato positivo alla cocaina durante i test antidroga da lui stesso promossi qualche mese fa. L'ipocrisia di quest'uomo mi provoca un disgusto indescrivibile.

    RispondiElimina
  12. Pagani è un signore. L'ho intervistato più volte, uomo di grande equilibrio. In pace conm se stesso.

    RispondiElimina

Welcome